mercoledì 17 aprile 2013

Se mi lasci ti cancello - eternal sushine of the spotless mind


Certe cose ti accompagnano in un preciso momento della tua vita. Alle volte capitano lì per caso, altre volte invece sanno salvarti la vita. Avevo sentito parlare nel corso degli anni di questo film un po' per caso. Il titolo mi sembrava molto idiota, e all'epoca da bravo coglione affibbiavo nome e faccia di Jim Carrey a film che per forza dovevano essere scadenti - ero giovane e snob, e il pessimo titolo italiano ha dato questa idea a molti. Un giorno però mi capitò di vedere in tv l'inizio di questo film e, dato che dalle altre parti facevano solo reality show e il tutorial delle Veline, decisi di guardarlo. Guardai solo l'inizio perché era tardi ed ero stanco, ma qualcosa sembrava volermi dire che mi stavo sbagliando. Passarono gli anni, crebbi e feci anche la prima esperienza amorosa con una lurida troia una ragazza. Ci lasciammo (male) e io ne soffrii abbastanza. Per pura coincidenza quello stesso anni avevo finalmente convinto i miei genitori a fare la connessione internet, e così la mia conoscenza venne amplificata grazie a una buona dose di curiosità e un saggio smaneggiamento di Emule. Fu così che mi venne in mente questo film, e decisi di vederlo... non solo questo film nel suo piccolo è riuscito a salvarmi la vita, ma è addirittura entrato a far parte della mia personale top ten!

Joel si è da poco lasciato con Clementine, ragazza molto eccentrica con la mania di tingersi i capelli dei colori più improbabili, e ne sta soffrendo molto. La cosa però non dura e alla fin Joel, spazientito, decide di lasciarla. Poco dopo si pentirà della scelta e proverà a riconquistarla, facendo così una terribile scoperta: Clementine si è rivolta alla Lacuna Inc, casa farmaceutica col compito di cancellare una determinata persona dalla memoria del loro cliente, per dimenticarsi di lui. Joel non regge all'affronto e decide di sottoporsi lui stesso alla procedura ma, una volta che il tutot inizia, ha un ripensamento...

E' stato difficile uscire in maniera del tutto sana dalla visione di questo film. Credo che sia stata una delle pellicole che più mi hanno scosso, turbato e demolito sentimentalmente. Una sensazione simile credo mi sia venuta solo nel guardare Lady Vendetta, nel vedere la protagonista Geum-ja affondare il volto nel dolce bianco come la neve nella scena finale, motivo per cui questa pellicola è entrata senza problemi fra i miei dieci film preferiti di sempre, poco dopo titoli come 2001, Oldboy e Harry a pezzi. E lo dice uno che solitamente le storie d'amore non le digerisce particolarmente, ma che sa apprezzarle comunque quando sono fatte bene. E in questo caso la storia è eccelsa. Poco male, perché lo sceneggiatore è quel genio di Charlie Kaufman (autore degli script di Essere John Malkovich e Il ladro di orchidee e regista del bellissimo Synecdoche, New York), uno che quando ha la penna in mano è in grado di fare delle vere e proprie meraviglie, anche se nel suo film verrà usato Nicholas Cage! Alla regia invece abbiamo Michel Gondry, un francese che prima di vedere questa pellicola non avevo avuto modo di notare particolarmente, ma che dopo questa ha avuto un meritato boom americano e che gli ha permesso di creare altri due film decisamente notevoli, quali Be kind rewind e L'arte del sogno. Ed è proprio l'ausilio di una regia fresca, frizzante ed a tratti schizofrenica insieme a una sceneggiatura così bella che venderei un rene per averla scritto io, a creare quello che per me è un vero e proprio capolavoro. Parlare d'amore credo sia la cosa più scontata del mondo, anche perché è una cosa così comune e trasversale [pure il recensire è, per certi versi, un atto d'amore] che tutti a loro modo l'hanno provato, tutti ne hanno scritto in tutte le maniera e tutti hanno un loro modo d'intenderlo. un loro modo, appunto, il che fa subentrare anche la mentalità delle persone. Il che ci fa ricordare che la gente è mediocre e che quindi intende mediocremente anche i sentimenti, cosa che ovviamente qui non avviene. Ho molto apprezzato la con-traddizione in termini dei personaggi, e quindi lo speciale rapporto che si viene a creare fra loro. Joel è timido, introverso, si innamora di chiunque gli porga delle attenzioni, insomma a una prima occhiata potremmo proprio dire che non ha le palle; Clementine invece ne ha fin troppe, e risulta essere anche volgare e irritante alle volte, insomma la tizia meno simpatica della coppia. Ma nonostante tutto questi due si amano, si lasciano e poi faranno di tutto per stare insieme, anche solo a livello di idea. Ed è proprio la figa che compiono a rendere questo film indimenticabile. Siamo ben lontani della megaproduzioni, quindi non aspettatevi un susseguirsi di scene a là Inception, perché la matrice indie si fa sentire. Il che non è un male, poiché lo spirito di adattamento spinge il regista a inventarsi sul momento doversi escamotage per rendere credibili delle scene che avrebbero beneficiato di un numero maggiore di fondi, ma che senza volerlo rendono ancora più particolare questa pellicola. Fra sfondi che sfumano grazie al cellophane, scenari notturni illuminati con delle torce elettrice, libri che perdono le scritte grazie ad after effect, volti che rimangono deformati grazie a dei giochi prospettici e di montaggio, la fase più artigianale ha modo di farsi apprezzare appeno. I due attori protagonisti poi sono impagabili: Jim Carrey è credibile anche da sfigato serioso, e Kate Winslet è adorabile nonostante in più di un momento si comporti da perfetta stronza. Ma alla fine il tutto ha un termine, preciso e incalzante, con un significato specifico e un colpo di scena forse non eclatantissimo ma che, nella logica narrativa, ha la sua perfetta coerenza. Alla fine anche gli errori fanno parte della nostra esistenza, e sono proprio quelli che ci fanno andare avanti. Non serve cancellarli, perché è proprio grazie ad essi che in parte siamo quelli di adesso. E l'amore forse è proprio come gli esseri umani, imperfetto e a volte addirittura stronzo. Ma se non fosse tale, che gusto ci sarebbe?

Com'è finita con la troia ex, chiedete? Sono arrivato a tentare di investirla con la macchina. Ora però sono fidanzato da anni e sono convinto che, se presa per il verso giusto, la vita sia anche bella. E che se ora mi sta andando così bene, forse in minima parte è proprio grazie a lei.


Voto: 

8 commenti:

  1. Anche tu hai avuto un'esperienza con una lurida troia? Allora non sono il solo. Io non mi sono buttato sull'alcol, ho tentato di peggio, e ci ha pensato la poesia a salvarmi: non fosse stato per Whitman e Ashbery forse non sarei qui a scrivere questo commento.
    Il film è uno dei miei cento film preferiti ed è un autentico capolavoro. Meraviglioso.

    RispondiElimina
  2. Inutile ribadire che è il mio film preferito, che rivedo e rivedo con emozione!
    Ha aiutato parecchio anche me, ma nel caso opposto al tuo (vedi ricominciare con l'ex) e per questo non smetterò mai di ringraziarlo!

    RispondiElimina
  3. Capolavoro, l'unico film sull'amore che non mi fa venire voglia di uccidere realizzatori ed interpreti ^^

    RispondiElimina
  4. Uno dei miei film preferiti di sempre! Bella e accurata anche la tua recensione!

    RispondiElimina
  5. Il genio puro. Cinema e sentimenti si fondono insieme come se, mentre la storia parla d'amore, la telecamera di Gondry faccia una dichiarazione al cinema stesso. L'amore scomodo, quello che non piace a tutti, quello difficile da realizzare. Il cinema scomodo, quello che non piace a tutti, quello difficile da realizzare. In entrambi i casi ci vuole una buona dose di cerebro per tirare avanti come i muli e realizzare un grande lavoro, sia esso un filmone oppure una coppia che si amerà per sempre.

    RispondiElimina
  6. Bellissima recensione, molto sentita per un film davvero indimenticabile! Per me, il miglior modo di parlare d'amore attraverso il cinema, insieme a quel gioiello che è 2046 di Won Kar Wai. Una commedia che sa divertire, commuovere e riflettere, con uno stile originale,frizzante, dialoghi azzeccati, per me non c'è niente che non va in questo film qua!!

    In più, adoro lo stile di Gondry, che non esita a mostrarci il suo lato "artigianale"!! altro che effetti speciali!!

    RispondiElimina
  7. Andai a vederlo al cinema,appena lasciatami col moroso dell'epoca(che adoravo)dopo 10 anni,convinta di fare quattro risate(grazie titolisti italiani,per la traduzione fuorviante).Ovviamente uscii dalla sala sfatta dalle lacrime XD però il film è davvero bello,Carrey è stato poco sfruttato come attore drammatico(recupera anche Majestic se non l'hai visto!),secondo me se la cava benissimo!!!!
    L'amore,anche quando va a finire male,non vale la pena di essere cancellato dalla nostra memoria,e bellissimo quel finale,dove si rendono conto che loro già si erano amati,anche se l'avevano dimenticato,che pone la domanda:vale la pena imbarcarsi in una storia d'amore che sai probabilmente finirà di nuovo(ma non è detto)?
    L'unico modo per avere la risposta è,ovviamente,provarci ;)
    Fantastico Gondry <3
    Mi hai fatto una voglia di rivederlo pazzesca!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noto che ha aiutato molti in un periodo similare al tuo ^^' pure io lo vidi la prima volta dopo essermi lasciato con la prima ragazza e, come hai letto, ha aiutato.

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U