venerdì 30 agosto 2013

CAMERON DIAZ DAY: Cose molto cattive


Passano i giorni, e arrivano nuovi anniversari. Ed è così che oggi, venerdì 30 agosto, festeggiamo il compleanno delle bellissima e bravissima Cameron Diaz. Un'attrice che si è fatta notare per le sue performance attoriali e anche per quelle fisiche, e che oggi glorifichiamo con una giornata tutta per lei. Mi tocca confessarlo, però, pur apprezzandola su ambo i lati non è mai rientrata nella summa delle mie attrici di culto, ma comunque penso che sia una valida professionista, che insieme a qualche inevitabile flop ha dato comunque prova di sé lavorando con grandi professionisti quali Martin Scorsese, dimostrando di non essere solo un paio di tette e un culo sodo, rotondo, bello, succoso, delizioso e... ok, mi trattengo prima di diventare troppo volgare, ed ora che ho fatto il classico paragrafino introduttivo di rito mi avvio con la recensione! Il film che ho scelto per il suo giorno è Cose molto cattive di Peter Berg, una commedia cattivissima che consiglio a tutti coloro che ancora non l'hanno vista.

Per un gruppo di amici una notte di addio al celibato si trasforma in tragedia quando muore una prostituta che avevano chiamato per rendere ancora più piccante quella notte brava. L'allegro gruppetto cercherà di mantenere segreto l'avvenimento, e sarà l'inizio di una tragicomica spirale di morte che coinvolgerà tutti... persino la sposina!

Valutare una commedia come questa Very bad things è un'impresa che mi lascia sempre con una sensazione di dolceamaro di base. Perché se da una parte abbiamo una commedia frizzante che fa ridere e provare un senso di stretta alle palle che male non fa, dall'altra abbiamo anche una spietata accusa verso la middle class agiata americana che, pur non senza qualche passo falso, pone molti argomenti di discussione e riflessione. Tutto inizia con una commedia che potrebbe ricordare il recente Una notte da leoni, vista anche l'analogia fatta con l'ambientazione, ma a quella che potrebbe essere la via più ridanciana e ignorante si preferisce quella tendente al grottesco e alla polemica minimale. Non si toccano le vette di politicamente scorretto di un Visitor Q, quindi, ma per quella che è la media dei film americani comici viene comunque da farsi un paio di domande sul fatto che questa forse non sarà la classica commedietta dimenticabile in un paio di giorni. No, per nulla. Sempre senza mai esagerare, ma comunque lo fa. I protagonisti (fra i quali abbiamo l'attore Jon Favreu, che di recente ha trovato il successo come regista dirigendo Iron man) sono tutti americani appartenenti a una classe piccoloborghese, quelli che hanno la casa col giardino e la staccionata bianca, che vedono le follie di quella che doveva essere una notte diversa dalle altre allargarsi fino alle estreme conseguenze. E non è facile quando cose simili succedono mentre stai per sposarti, quando devi dare alla tua vita quel tocco di serietà che la società collega al matrimonio. Il matrimonio dovrebbe essere una cosa che dona alla persona un senso di valore, il valore della famiglia e degli affetti, e sono propri questi che la commedia presa qui in analisi vuole smontare e mettere alla berlina. E incredibile ma vero ce la fa, con la sua ironia dissacrante e scoppiettante e le sue situazioni assurde e disagevoli, che fanno ridere ma sempre con quel sottofondo amaro che ti fa capire che forse da ridere non c'è proprio nulla. Tutte cose che per quanto mi riguarda avrebbero contribuito a rendere questo film una piccola perla, ma devo essere coerente e valutare anche quelli che sono i fattori negativi del film. Una piccola cosa che mi ha infastidito è stato il mettere un tale coacervo do situazioni e fatti strani, senza però avere mai il coraggio di esagerare sul serio. E va bene che a neanche mezz'ora dall'inizio vediamo una prostituta (nana) alla quale viene spaccata la testa con tanto di sangue per la stanza da bagno, ma visti quelli che sono gli estremi raggiunti da molte commedie giapponesi o inglesi, il messaggio sarebbe risultato maggiormente a mio parere se si fosse presa quella via. Così si ha la sensazione di un qualcosa di veramente cattivo che però si vergogna leggermente di esserlo, o che vuole scuotere il pubblico che prende per i fondelli senza però che gli stessi si impressionino troppo, senza contare che un paio di situazioni si risolvono in maniera fin troppo facilona. Si salva però per un finale magnificamente scritto, forse la cosa più cattiva dell'insieme [che attacca più sul fattore psicologico che su quello visivo] che personalmente mi ha lasciato parecchio a disagio, e che dona a questo film quell'alone di vero estremismo che forse è mancato nella parte centrale. Gli attori sono tutti bravi, e la nostra Cameron si fa notare per una parte necessariamente isterica e d'effetto, senza contare che a lei è dedicata l'ultima crudelissima scena di vera disperazione.

Sicuramente un film da vedere, anche se forse chi è particolarmente sensibile potrebbe rimanere sconvolto da un paio di passaggi. Ma comunque un'ottima pellicola per tributare questa attrice in questa giornata. Buon Cameron Diaz Day a tutti!


Voto: ★½


Al 'Cameron Diaz Day' partecipano anche:

18 commenti:

  1. avrei parecchio da ridire su quel bellissima e bravissima legato alla Diaz, per me quand era giovane si non era male, ma c'era di meglio, ora è invecchiata piuttosto maluccio, come attrice poi non mi ha mai detto nulla, insignificante e anche un po antipatica.

    Sul film però concordo una BOMBA, una black comedy scorretta, violenta e scatenata, ogni volta che passa in tv me la guardo di gusto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh daje, figurati se mai concordiamo in toto XD che per quanto riguarda le donne avevamo già litigato sulla Johansson, ai tempi.

      Il film sì, merita eccome!

      Elimina
    2. ahhahah prima o poi concorderemo al 100% me lo sento.
      La Johnasson è sicuramente meglio della Diaz sia esteticamente che come attrice.

      Sto film è troppo ganzo, soprattutto il personaggio cattivissimo di Christian Slater

      Elimina
    3. "... ho io... gli... anelli!!!" - cit.

      Elimina
  2. Nun c'è sta niente a fa'. Ti piace Cameron Diaz. Non andiamo proprio d'accordo. Una cosa positiva c'è: non ci ruberemmo mai le ragazze a vicenda :P

    Il film non l'ho mai visto, lo recupero un giorno.
    Buon CDD :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ti fidanzerai mai con Scarlett Johansson o Anne Hathaway non corri rischi XD

      Recuperalo, cheèmmeglio!

      Elimina
    2. ohhhhhh su Anne Hathawy concordo, gran bella ragazza e attrice straordinaria ;-)

      Elimina
    3. Oh, finalmente concordo con le mie due nemesi!

      Elimina
    4. Anne Hathaway l'ho scoperta io!!!!
      Quindi giù le mani, che divento violento.

      Elimina
  3. concordo in pieno sull'analisi del film, avrei scritto più o meno le stesse cose

    RispondiElimina
  4. Sai che non l'ho mai visto questo??
    Vedo che la Cameron ti piace proprio tanto. Posso capirne i motivi, però quel "bravissima" forse è un po' troppo. Diciamo che se la cava. :-)
    In fondo comunque mi sta simpatica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In sé lei mi piace molto (per ambo i motivi) ma i film a cui ha preso parte che mi hanno entusiasmato sono davvero pochi. E surclassa eventuali mancanze, appunto, con la simpatia.
      Il film te lo consiglio molto, a patto però che tu non sia troppo sensibile XD

      Elimina
  5. Tu e Dantés siete stati più veloci perché i miei due film Diazi preferiti sono proprio Una cena quasi perfetta e questo Cose molto cattive. A ripensare all'urlo finale di Cameron mi vengono i brividi ancora adesso.
    Buon Cameron Diaz Day!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che urlo... una delle scene finali più inquietanti di sempre, altro che il Motherfucker paralitico di "Kick ass 2"...

      Buon Cameron Diaz Day anche a te ^^'

      Elimina
  6. Eccoti, mancavi solo tu al Day! ;-)
    Film indipendente politicamente scorretto, ricordo ancora il quale cinema della mia città l'avevano programmato. Lo recuperai in VHS (erano ancora i Novanta, suvvia), e dopo un buon decennio, ricordo ancora Cameron con quel vestito copiato dalla moglie di John Kennedy Jr., la scena dove rimane seccata la prostituta, se non sbaglio un omicidio compiuto da Slater con una tavoletta del cesso e quell'urlo finale mi è passato in mente mentre leggevo.
    Si perde un po' nella cattiveria, ma peccato che non lo trasmettano alla tivvù.
    Buon CDD!!

    RispondiElimina
  7. Mi manca questo! Buon Cameron Diaz Day!

    RispondiElimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U