domenica 27 ottobre 2013

Bellas mariposas


Col cinema italiano ho un po' di problemi, si sa. Ma è una cosa dalla quale sto cercando di guarire in più modi, andando incontro a grosse delusioni. A differenza di molti però non vado a dire che il cinema italiano è merda a prescindere, ho le mie motivazioni specifiche: ovvero la mancanza di argomenti. Gli americani hanno i film drammatici, la fantascienza, i thriller, i supereroi, e lo stesso vale per la Francia o la Corea del Sud, insieme ad altri paesi. Ma noi italiani? Sempre a fare commedie, a parlare di giovani in via di formazioni o di meridionali depressi (e in quest'ultimo caso mi viene un razzismo che non mi si confà) oltre che di famiglie disagiate. Manca il cinema di genere, manca un cinema rivolto ai giovani che possa appassionare anche gli adulti, manca la diversità di espressione. Ma soprattutto, abbiamo pseudo vegliardi che cercano di parlare di chi ha qualche decade in meno di loro, come accade in questo Bellas mariposas...

Siamo nella periferia Cagliari, in Sardegna, e seguiamo la vita dell'undicenne Caterina. Lei vive in una piccola casa col padre finto invalido che non lavora, la madre veramente invalida che lavora per poter arrotondare, tanti fratelli uno più disastrato dell'altro, i figli della sorella maggiore e un quartiere che sembra destinato a morire. Le cose si complicano quando il suo fratello più grande decide di uccidere Gigi, un ragazzetto vagamente sfigato al quale lei ha deciso di destinare il suo amore...

Forse crescere in una regione vagamente agiata come il Trentino mi ha reso culturalmente debosciato. Ma capitemi, sentire fin da piccolo battute a raffica sui meridionali ti porta a pensarla in un certo modo e, nonostante abbia molti amici terroni che mi fanno ricredere quotidianamente sullo stereotipo comune, le quotidiane notizie di cronaca mi portano a una certa non piacevole convinzione - nel pensare certe cose a mente fredda, mi sento incredibilmente sporco. L'immersione nella vita di questa ragazzina sarda quindi non avviene in maniera propriamente indolore, questo sia per delle scelte culturali che registiche volute dal regista e sceneggiatore Salvatore Mereu. Tutto inizia con uno spiegone che domina gran parte del primo tempo della protagonista Cate, che in più di un'occasione si mette a parlare direttamente col pubblico descrivendo questo microcosmo di squallore. Il padre che si fa le seghe portando la tv in bagno, le ragazzine troie, i tamarri di borgata e molti altri esempi sono mostrati in tutto il loro squallore, e se a una prima visione ti viene da pensare che la Sardegna sia un bruttissimo posto dove passare le vacanze estive, quando senti che la giovane narratrice sogna di diventare una cantante come Valerio Scanu e Marco Carta (sardi pure loro) allora sì che un buon motivo per diventare razzista ce l'hai. Togliendo però questo fanboysmo musicale e questa prima parte un po' traballante, il resto prosegue con un ritmo abbastanza costante, anche se i punti di domanda aumentano sempre di più. Questo concentrarsi solo sulla visione ristretta e sulle preoccupazioni puerili della piccola protagonista e della sua amica, in quella che sarà la giornata più lunga delle loro giovani vie, impone una concentrazione fin troppo assente su quello che è il contesto in cui vivono, lasciando però trasparire una non ben specificata voglia di denunciare un sistema, anche se il poco spazio riservato fa cadere questa volontà nel vuoto. Anche la mancanza di un vero canovaccio narrativo si fa ben sentire, e rischia di creare molti momenti uattaffacca nell'animo di un gran numero di spettatori, che non capiranno alcune scelte narrative (come il far parlar alla macchina da presa non solo la protagonista ma, verso la fine, anche la sua amica di merende) insieme ad alcuni discorsi dialettali. Che se dicono su al modo di parlare dei malgheri, allora non state a sentire i sardi sennò vi sanguineranno le orecchie. Si arriva però alla fine in una maniera più indolore del previsto, anche se quello che si ottiene al termine della visione è un senso di vuoto che non riesce a giustificare quanto fatto. Che cosa ho visto? Cosa ha voluto dirmi questo film ai limiti del verboso? Non lo sapremo mai. Avremo solo l'immagine di queste belle farfalline (questa la traduzione del titolo del film) che colgono quanto di bello c'è in un posto che di bello sembra non avere nulla, come delle vere farfalle che si appoggiano su un fiore che cresce in mezzo alla merda. Ma sembra un discorso un po' vago per costruirci sopra una storia così pretenziosa e a tratti anche insulsa, specie se poi gli interpreti non sono decisamente all'altezza delle aspettative vista la loro natura palesemente non professionale - e infatti il cammeo di Micaela Ramazzotti giungerà come una secchiata d'acqua nel deserto. Alcuni vista la natura estremamente low-cost e gli attori presi dalla strada hanno parlato di una certa affinità col neorealismo del cinema che fu. Ma quelli erano gli anni Quaranta e Cinquanta, c'era stata la guerra e il mondo doveva raccontare un realtà che tutti vedevano. Adesso però il secondo millennio è iniziato da un bel po', è c'è urgente bisogno di rinnovarsi. Questo film, a mio modesto parere, arriva fuori tempo massimo.

Certo, ognuno ha il suo modo di intendere l'arte, e con essa pure il cinema. Però alle volte viene da chiedermi se il vero talento stia nel parlare bene di una cosa anche a dispetto del periodo in cui lo si fa...


Voto: ★½

8 commenti:

  1. vado un attimo ot

    controlla la tua rece di Kick Ass 2 :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Controllata. Ogni messaggio sul blog mi viene segnalato da una mail :-P
      Peccato però che l'unico commento a questo film sia un OT :(

      Elimina
  2. Non discuto la qualita' della realizzazione per come l'hai giudicata,o la recitazione, di questo che infondo e' un film mediocre e malfatto,per lo piu'.
    Piuttosto posso criticarti la resa di questa recensione da povero malghese gnucco delle micro valli trentine che vedon poco sole.
    Bellas Mariposas e' un racconto di Sergio Atzeni,uno dei piu' grandi scrittori italiani di fine secolo.Essendo stato scritto in tempi analoghi a questi,ma piu' invischiati in questioni meridionali,ha un'impronta di denuncia che allora appariva coraggiosa,ora l'ennesima puntata di Verissimo. Se anziche' basarti su preconcetti da montanaro arricchito coi fondi statali,ti fossi almeno documentato di cio' che guardavi facevi figure migliori. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da bravo ignorante il racconto non l'ho mai letto, quindi ho criticato solo il film.
      E da questo commento pieno di astio mi pare di intuire che la tua parte terronoide si è largamente offesa :-P

      Elimina
    2. No macche' astio! Era in stile con la tua rece.Piuttosto dispiace leggere certi sfondoni.E' come recensire Romeo plus Juliet criticandone il plot un po' datato ed ignorare da chi sia stato scritto e quando. O il Gattopardo. Ti ho staffilato per l'occasione persa di arricchirti. E poi io sono Sardo ma con frequetazioni assidue ed adorazione per la tua regione....quindi.. :D

      Elimina
    3. Dipende, non si può essere informati su tutto. Poi il paragone con "Romeo e Giulietta" mi sembra un po' azzardato e fuori luogo, ma capisco cosa volevi dire.

      Elimina
    4. Hai ragione : non si puo' sapere tutto.
      Ma le informazioni-base su di un film che si recensisce....Bhe' quello e' meno del minimo sindacale!

      Elimina
  3. ah si??? da me non viene mai segnalato, infatti a volte rileggo le mie vecchie rece e mi accorgo che qualcuno mi ha scritto e che io non gli ho risposto :-(

    RispondiElimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U