martedì 5 novembre 2013

Smiley


E' stato più o meno poco più di un anno che che, vagando senza meta sul tubo, ho trovato uno strano trailer. Era quello di un film horror dallo stampo tipicamente teen, dove c'era questo serial killer che aveva una strana maschera di pelle sulla quale era stato cucito uno smiley. E io che con gli smiley ho uno strano rapporto da che ho letto Watchmen non potevo che dirmi incuriosito da una cosa simile. Comunque sia, il look di questo villain mi ingrifava non poco, ed ero quasi certo che in qualche maniera questo film, in un modo o nell'altro, avrebbe saputo accoltellarmi il basso ventre. Incredibilmente però la distribuzione italiana ha deciso di metterlo nelle sale con un anno di ritardo in occasione della concomitanza con la festività di Halloween, e quindi questa pellicola è disponibile anche in lingua italiana proprio in questi giorni. E siccome ultimamente sono vagamente a digiuno di film dell'orrore degni di nota, ho deciso di concedermi una piacevole serata all'insegna di serial killer, sangue e frattaglie  - insomma, il divertimento perfetto per ogni uomo o presunto tale.

Secondo una leggenda metropolitana se si scrive su una chat per tre volte la frase I did it for the lulz (dall'inglese: l'ho fatto per divertimento) comparirà il terribile killer Smiley a uccidere la persona con la quale state chattando. La povera Ashley, ragazza al primo anno di college reduce da un'acuta depressione dopo la morte della madre, si troverà invischiata in questa terribile storia...

Le parole ti donano un forte potere, quello dell'esprimere pensieri e concetti. Peccato però che io proprio non riesca a trovare quelle giuste per dire quanto questo Smiley mi abbia fatto oscenamente schifo al cazzo. Perché veramente, questo film può dirsi tutto, tranne che un horror. E' piuttosto un abominio perpetrato mediante gli stilemi e i cliché tipici dei film di spavento. Nulla in questa pellicola è salvabile, perché tutti i settori artistici principali sono davvero carenti in linea di massima. La storia è palesemente trita e ritrita, ma la sceneggiatura non sa enfatizzarne nessun momento. Anzi, nel suo non saper delineare in maniera abbastanza definita uno scenario di spavento finisce per ricreare uno spettacolino di matrioske vuoto e artificialissimo, e dato che alla fine da narrare c'è ben poco si finisce per allungare il film con finte scene che, guarda caso, alla fine si rivelano essere unicamente dei brutti sogni della povera protagonista. La regia dell'esordiente Michael J. Gallagher [anche sceneggiatore e produttore insieme ad altri due che hanno il suo stesso cognome] poi si dimostra di un'inettitudine allucinante, incapace di enfatizzare un momento che sia uno, e combinando incredibili macelli pure nelle scene splatter, non nel senso che si sporca il set di sangue, ma per il semplice motivo che le suddette non fanno paura, non spaventano, non fanno provare nulla e, soprattutto, non fanno schifo. O almeno, fanno schifo, sì, ma è più per come sono state rese male che per altro. E quindi viene da chiedersi perché questo venticinquenne incapace non abbia continuato a fare i suoi dannatissimi video su youtube (che a questo punto non sono neppure troppo curioso di andare a vedermi) al posto di provare a fare del cinema, perché non serve un genio per comprendere che non aveva né le capacità tecniche né quelle di scrittura per cimentarsi in un lavoro simile. E che se non altro, avrebbe almeno dovuto esentarsi dal provare per rispetto di tutta quella gente che fatica per anni per arrivare a fare qualcosa di decente, mentre lui, solo perché ha una parvenza di popolarità su un sito come youtube, ha il permesso di fare questi scempi. Trovare anche un solo secondo che non sappia di finto in questa robaccia è davvero, davvero difficile. Purtroppo però non è finita qui, perché anche il gruppo di attori protagonisti fa di tutto per permettere a questa spazzatura di colare a picco. La protagonista biondocrinuta Caitlin Gerard è quasi più incapace del regista a fare il proprio lavoro, e quando non ha un sorriso da lobotomizzata cerca di variare con un'espressione molto ho-scoperto-di-recente-che-cazzo-non-è-solo-una-parolaccia-and-I-like-it. L'unico punto che sembrerebbe meritare è quando Smiley gli strappa la maglietta di dosso, peccato però che non si vada oltre quella scena e che per tutto questo supplizio non si veda neppure una tetta. Non fa di meglio la sua amichetta Melanie Papalia, che da le fattezza a Proxy (no, non Ergo proxy, è l'amica troia) e che viene spacciata come una bomba sexy quanto in realtà a me ha lasciato davvero indifferente. Ma da una che ha lavorato con Uwe Boll cosa c'è da aspettarsi? Non descrivo tutti gli altri perché sennò verrebbe troppo lungo, ma sono tutti su questi livelli. Per concludere posso solo sottolineare che questo film, oltre a non dire assolutamente nulla, diventa persino pretestuoso provando a inserire verso la fine un blando tentativo di denuncia sociale, offrendo quello che in altre circostante potrebbe essere stato un finale interessante, smerdato però in bella fretta nella più stupida delle maniera. Per sicurezza, non sia che non ci si era ancora accorti che gli autori sono incapaci...

Ho guardato questo film per curiosità, ma alla fine non posso dire che I watched it for the lulz. Magari posso scrivere quella frase per tre volte per far arrivare Smiley a casa di registi e produttori, almeno così so di aver fatto la mia buona azione quotidiana.


Voto: 

15 commenti:

  1. Quindi io che non mi diverto a passare "una piacevole serata all'insegna del serial killer, sangue e frattaglie" non sarei un uomo? Ma vuoi forse farti del male? Ci vediamo fuori dal blog quando vuoi, eh!
    A parte tutto bastava leggere la frase "I did it for the Lulz" per capire che era un horror tutto da ridere, o da piangere per la disperazione.
    Con il pezzo "cerca di variare con un'espressione molto ho-scoperto-di-recente-che-cazzo-non-è-solo-una-parolaccia-and-I-like-it" mi hai fatto morire dalle risate.

    Hai cambiato grafica al blog. Le recensioni sul bianco si leggono meglio, ma quel sapore dark dato dal nero dava quel tocco in più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio a sfidarmi. Ti avviso che faccio palestra u.u beh, io ero comunque curioso perché il look del villain mi attirava, ma era proprio l'unica cosa decente di tutto il film. E poi, cosa non faccio per un po' di visualizzazioni...

      Eh, l'essere dark mi resta dentro. Però alla lunga mi si stavano cavando gli occhi :-P

      Elimina
  2. L'avete demolito praticamente tutti. Lo salto volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sì che sei un uomo intelligente. Non come me...
      A questo giro mi viene da chiedere se mi si può definire propriamente uomo...

      Elimina
  3. ma alla fine l'hai visto??? ma perchè ti vuoi così male????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché sono uno stronzo T.T

      Elimina
    2. risposta del secolo

      Jean sei troppo un MITO :-)

      Elimina
  4. Vedo solo ora il nuovo look. Nel caso fosse così da tempo, chiedo perdono...però mi piace!!! Questo film neanche se mi pagano proprio...^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) vedo che a nuova 'veste grafica' sta piacendo pratica,ente a tutti.

      No, non guardarlo. O almeno, se ti pagano per farlo, fa pure, però altrimenti salta a piè pari - ma anche dispari, non sia mai!

      Elimina
  5. Non aggiungo altre parole, hai detto tutto.

    Anzi, spetta.
    Ciao, sono Babol. Non so cosa fare oggi, sono una giovinastra annoiata, quindi ti faccio un megascherzone: ho deciso di ucciderti.

    I did it for the lulz
    I did it for the lulz
    I did it for the lulz

    :)

    Fammi sapere in qualche modo se :) è arrivato, eh! In caso, tienilo fermo che lo ammazziamo di coppini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A una citazione risponderò con un'altra citazione: "Che gioventù di merda..."

      Elimina
  6. E a questo punto voglio perdere pure io un'ora della mia vita... L'avete smerdato così tanto che ormai voglio vedere quanto fa schifo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio bellezza... è lo stesso ragionamento che ha portato me a vederlo.

      Elimina
    2. No, dopo 5 minuti ho mollato. Troppo lercio.

      Elimina
    3. Non tutti hanno la mia virilissima resistenza u.u

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U