giovedì 12 dicembre 2013

Lo Hobbit - la desolazione di Smaug


Il tempo passa ma, anche se sei oramai un giovane uomo, ecco che attendi al cinema l'uscita del nuovo capitolo della trilogia tolkieniana come quando eri un bambino. Dieci anni dopo tutto sembra iniziare con una trilogia che spiega come Bilbo Baggins ha ottenuto il possesso dell'Unico Anello, dieci anni che tu attendevi con una smania assoluta. Smania che è stata oscenamente delusa da Un viaggio inaspettato, che per quanto non sia stato uno dei film peggiori che ho visto, aveva quell'irritante bambocciaggine di base che me lo ha fatto odiare pesantemente. No, seriamente, m'ha fatto abbastanza cacare il cazzo, tantoché pensavo di boicottare per principio questa nuova saga. Ma sapevo che era una battaglia contro i mulini a vento e che il mio essere tolkieniano avrebbe avuto la meglio, quindi eccomi qui di ritorno, pronto a recensire solo per voi questo secondo capitolo. La storia, quindi, migliora o peggiora proseguendo? Leggete e scopritelo...

Le peripezie di Bilbo e dei suoi allegri compagni proseguono e, fra un'incappata con gli Elfi, lo scontro con uno strano mutaforma e una strana battaglia coi ragni, alla fine arrivano a fronteggiare il nemico più pericoloso di tutti: il drago Smaug.

Occhei, che dire... la visione mi ha lasciato abbastanza stranito. Solitamente non mi tiro indietro anche quando c'è da bocciare il film del mio registra preferito del momento [Stoker dovrebbe averlo dimostrato] ma con questo film, del quale prevedevo un disastro fin da subito, sono vagamente in dubbio. Eggià, tantoché per certi versi non saprei pure come articolare degnamente questa recensione, ma farò del mio meglio. Dico solo che andrebbe idealmente considerata mediante l'intermezzo, ovvero quella speciale pausa che viene a metà film e che permette agli spettatori incontinenti di liberarsi, perché mi è sembrato di vedere due film totalmente diversi. Tutto quindi si apre col prologhetto d'ordinanza che si ambienta a Brea, il cui cammeo di Peter Jackson che mangia la carota ci riconduce al medesimo ruolo che aveva fatto ne La Compagnia dell'Anello. Si prosegue quindi con delle avventure a tappe che nulla danno e nulla tolgono allo svolgersi della vicenda principale, creando proprio un brutto effetto videogame - con l'aggravante che non ci puoi giocare. Si evince la presenza di Del Toro come autore originario sempre più, e il suo stile [che a mio parere avrebbe davvero potuto fare la differenza] mal si sposa con la regia tutta panoramiche di Peter Jackson, il quale essendo sempre relegato ai soliti trucchetti alla lunga finisce per stufare di brutto. Perché va bene che, avendo letto il libro, so già cosa accade, ma se mi ritrovo a prevedere che tipo di inquadratura verrà utilizzata a ogni scena allora lo smaronamento raggiunge livelli astronomici. Vabbeh, forse degli elfi è meglio non parlarne, perché qui Legolas [cazzo centra?] fa tutte le troiate che mi hanno quasi fatto odiare Le due torri ed Evangeline Lilly fa sanguinare gli occhi da quanto è fuori luogo conciata così. La parte del mutaforma poi è indegna del peggior film da domenica pomeriggio di Italia1 e quando avviene la battaglia coi ragni ho davvero iniziato a vergognarmi coi miei amici, perché non sapevo come mi avrebbero trattato per averli portati a vedere un film simile. 'nsomma, una bella merda. Poi è arrivato il tanto agognato intermezzo, durate il quale ci siamo quasi tutti guardati in faccia in maniera davvero dubbiosa e sconsolata, un po' come fanno i miei genitori quando leggono le fesserie che scrivo su questo blog. Dopo il film è ripreso e... veramente, a un certo punto ho pensato di aver cambiato sala per sbaglio, anche se non mi ero alzato dalla poltrona - per previdenza avevo fatto la pipì a casa prima di partire. Certo, è un miglioramento che avviene per gradi e non senza qualche gravoso intoppo, ma quando si arriva da Smaug tutto è decollato. Tutta la merda che avevo visto precedentemente è stata quasi spazzata via da una mezz'ora davvero maestosa che non mi ha fatto rimpiangere gli otto euri di biglietto. E sì che ci sono le dovute differenze col libro, ma chissene, il film e il film, e qui fa egregiamente la sua parte. Il drago è maestoso e possiede uno dei design più belli che io abbia mai visto, senza contare che è doppiato da Luca Ward, il che significa che io sono così fanboy nei suoi confronti che potrebbe aver ruttato per tutto il tempo e sarei stato felice ugualmente. Ma la sua voce... oddio... venderei un testicolo e un rene insieme per avere una voce così. E' un drago quasi signorile e perfetto per il ruolo. Quella che ci viene offerta è quindi una sequenza maestosa nelle miniere di Erebor, tanto bella e suggestiva da farci dimenticare che il tutto si conclude con un nulla di atto, senza finire tutte le sottotrame e lasciando così un finale così aperto da essere quasi colpevole. Ma noi ce ne freghiamo perché quella, insieme alla battaglia di Gandalf con un redivivo Saruman [graficamente, quella realizzata meglio in un film dove la CG sembra peggiorata rispetto a dieci anni prima], è quanto di meglio ci possa venire offerto dal cinema fantasy.

Obiettivamente si ha un notevole passo avanti in un film che, pure restando una cosa per bambini [ma d'altronde pure il libro lo era], dimostra di avere i suoi assi da giocare. Peccato per quella merdosissima ed imbarazzante prima parte...


Voto: 

26 commenti:

  1. Il primo di questa nuova trilogia l'ho detestato con tutte le mie forze...questo non lo so...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma alla fine è un bel film. peccato per quella prima ora e mezza...
      Se ce la fai salta tutto e vediti direttamente la scena dal drago in poi.

      Elimina
  2. Io devo ancora vedere il primo, credo che aspetterò che la trilogia si concluda e me li sparerò uno deitro l'altro, belli o brutti che siano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ugh, buona fortuna. Io credo di non essere fatto per le maratone, cinematografiche o sportive che siano :-P

      Elimina
  3. Il primo mi era piaciuto molto, questo è in programma per il 19. Speriamo bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, sono curioso del tuo parere. Certo che, però, promuovere il primo... a confronto i peggio film di Bay sembrano opere di Kubrick XD

      Elimina
  4. il primo di questa seconda trilogia l'ho trovato passabile, ma si effettivamente era troppo da ragazzini, speriamo che questo sequel sia migliore, non avevo intenzione di vederlo al cinema ma aspettare il passaggio su sky come ho fatto appunto per il primo, ma sta sera quasi tutti i miei amici vanno a vederlo quindi mi sa che mi aggrego, poi ti saprò dire ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo. Sarà l'ennesimo scontro?

      Elimina
    2. no, perchè alla fine non siam andati, prima avevamo una cena dove abbiam alzato tutti un po troppo il gomito alla fine eravamo un po' fuori XD
      Lo recupererò in futuro quando passerà in tv, lo scontro è rimandato ;-)

      Elimina
    3. Occhio a bere troppo... non sia mai che ti metti a sezionare persone vive :-P

      Elimina
    4. ahahahahh ci manca solo quello ....XDXDXDXD

      Elimina
  5. devo devo devo andare a vederlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto leggendo pareri molto contrastanti, e parte della mia promozione è per il mio fanboysmo vero Luca Ward. Fammi sapere :D

      Elimina
  6. Finalmente l'ho visto e già ci sto scrivendo il post. Quello Smaug lì, se gli è venuto bene!

    RispondiElimina
  7. Sto leggendo recensioni contrastanti e mi girano parecchio le scatole perché, probabilmente, tra amici poco nerd e festività imminenti, lo toglieranno senza che riesca ad andarlo a vedere -.- Sono troppo curiosaa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono ancora indeciso... per certi versi son qui che voglio riscrivere la recensione. Il mio giudizio è abbastanza combattuto.

      Elimina
  8. Ma quanto sei stato carino & coccoloso....
    Io mi son fiondato d'anteprima.Ecco il risultato
    https://www.facebook.com/notes/le-pellicole-del-dottor-massis/lobbit-la-desolazione-di-smadonnamenti/10152458715224638

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella prima parte ho smadonnato di brutto pure io, ammetto. Ma con un drago così non so essere imparziale <3

      Elimina
    2. Rimasi più impressionato da quelli di Happy Popper, all'epoca.E manco li vidi al cinematografo. Questo m'è parso già stravisto, e con la voce del Leone di Narnia,perdippiù..

      Elimina
    3. l'avesse doppiato Luca Ward il leone Aslan...

      Elimina
    4. Io forse sono l'unica cui quella voce non ha dato fastidio. Siamo talmente abituati a voci fighe come quella di Ward che non sappiamo più apprezzare le sfumature o i toni meno suadenti e perfetti. È un pò come pretendere che i buoni siano sempre belli e i cattivi sempre brutti. Secondo me bisogna combattere questa perfezione troppo ricercata. Va beh che i migliori doppiatori stanno scomparendo quindi volenti o nolenti dovremo abituarci a un cambio di registro XD

      Elimina
  9. Anche a me ha lasciato un pò così, devo dire.
    Senza parlar troppo della poca cura, imperdonabile (la musica ad esempio, sempre la stessa, quando in Lotr c'è tutto lo scibile musicale umano), quello che non sopporto mai di questi prodotti è che si vede troppo che sono dei prequel, quando dovrebbero cercare di nasconderlo.
    Legolas non poteva fare solo una comparsata come dicono tanti perché non avrebbe avuto senso, è il figlio del re, il fatto che manchi nel libro (non l'ho letto) è dovuto ai diversi tempi di stesura di Tolkien e a lacune che ci sono nelle sue opere, alcune incompiute o non riviste. Non poteva non esserci Bloom, la scemenza è stata aspettare così tanto per fare Lo Hobbit se era già un'ipotesi da tempo. L'età di Bloom è stata mascherata malissimo, non si riesce a guardarlo in faccia che sembra Cher bionda. Ma a parte questo, non è stato rispettato il personaggio. Ora, non so cosa accadrà nell'ultimo film, ma qui me l'hanno fatto stronzo quanto il padre o quasi, mentre nonostante l'animosità manifesta con i nani nell'altro film, non era così cafone. Già questo stride. Thranduil mi stava sulle palle già dal trailer e nel film intero non ne parliamo XD, non mi è piaciuto il doppiatore, mellifluo quanto basta, ma non so, non calza, per me.
    Bello vedere un pò di mondo elfico più con i piedi per terra, anche se non ho capito la parte della sbronza... ricordo bene la scenetta divertente con Gimli e la gara di bevute, avevo capito che gli alcolici normali no avessero effetti sugli elfi. Magari se qualcuno mi spiega sta cosa mi fa un favore.

    Per il resto, a me il drago non piace, come grafica :( poi sono gusti. Trovo meglio quelli de Il trono di spade, addirittura mi piace di più quello antichissimo di Dragonearth, però va beh ripeto sono gusti estetici personali XD Bravo Luca Ward, anche se gli fanno fare troppi ruoli importanti, stucca un pò, anche se è bravissimo, niente da dire.

    Tauriel non mi dice niente, il tentativo di smorzare il maschilismo imperante nell'universo di Arda ha funzionato più con Eowin che non con questa qui, però va beh...
    sono contenta che non compaia quella falena gatta morta di Galadriel, non la posso soffrire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla Blanchett non posso essere obiettivo, e una delle (molte) attrici di cui sono innamorato...
      Per il resto concordo in pieno, questa de Lo Hobbit mi sembra una saga fatta davvero con poca cura o malavoglia. Però il drago... lì si va a gusti, ma è proprio quello che mi sarebbe piaciuto vedere da ambino, quindi l'obiettività va a farsi benedire :-P
      Quella sugli elfi sbronzi me l'ero chiesta pure io, in effetti.

      Elimina
  10. non mi è piaciuto, delusione quasi totale.

    RispondiElimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U