giovedì 25 settembre 2014

Caterina va in città


Sul cinema italiano la penso in una determinata maniera: vecchio. E' vecchio per il semplice fatto che è realizzato da gente vecchia che, com'è giusto che sia, per certi versi, fa dei film indirizzati per degli individui dei suoi tempi, abituati a una certa cinematografia e che ne hanno assorbito le lezioni. Così il cinema nostrano si è giocato quasi del tutto il pubblico giovane, riprovandoci però con delle commedie adolescenziali di dubbio gusto o le classiche cinepanettonate. Un autore che però ho sempre rispettato per la sua capacità di mettersi in mezzo, magari senza eccellere ma conferendo a ogni storia la dignità che merita, è Paolo Virzì, livornese de Livorno, che forse non sarà mai il mio regista preferito ma che rimane comunque un autore che rispetto in tutta la sua totalità. Non faccio le corse per vedermi il suo ultimo film uscito e non ho nemmeno la smania di vedermi tutte le sue opere passate, ma comunque è un individuo che mi è sempre sembrato intelligente e che ha una visione del mondo non scontata. Uno che con la sua leggerezza (quasi) mai banale potrebbe risollevare l'attenzione di un pubblico giovane, al quale sembrano essere rivolti ben pochi titoli meritevoli.

Giancarlo Iacovoni, professore di lettere disilluso dalla vita, si trasferisce con la famiglia a Roma. Lì la figlia Caterina frequenta la scuola in cui andò il padre trent'anni prima, venendo così capitolata fra i movimenti politici giovanili di destra e sinistra. Però...

Io a questo film un po' gli voglio bene, ma proprio tanto. Eppure sono il primo a conferirgli tutti i suoi limiti, ma la cosa non mi ha mai fatto desistere nel mettere questa pellicola, se non fra le mie preferite, fra quelle che mi rivedo sempre con piacere quando capita l'occasione. Infatti il rivederlo in tv su RaiMovie a casa di mia nonna pochi giorni fa mi ha spinto a scrivere questa recensione, fresco di visione e con un po' di senno in più di quando lo vidi per la prima volta a diciassette anni. Perché non sembra, ma sono proprio le cose più semplici che nascondo al proprio interno le maggiori qualità, solo che passano inosservate. Questo perché ci si sforza sempre di cercare di leggere fra le righe, di tendere l'occhio verso nuovi orizzonti, senza accorgerci che la soluzione ce l'abbiamo proprio sotto il naso. E non sembra, ma valutare un film come questi è davvero molto difficile, perché si potrebbe capire fischi per fiaschi, cercando quelle cose che in realtà non esistono. Anche perché è più cose in una: film di formazione, analisi politica, spaccato giovanile e anche una semplice commedia - per a noi italiani ce piace ride! - della vita di tutti i giorni. Certo, ormai vedere una ragazzina che viene dalla provincia e che si fa sommergere dalla vita della capitale non è molto credibile, specie se questa sembra cadere dalle nuvole ogni tre minuti, eppure il personaggio di Caterina ne esce decisamente immacolato: non una ragazzina perfetta e idilliaca, ma una mente semplice. Una che non ha molti grilli per la testa e che non pretende troppo dalla vita, se non il riuscire a coronare i propri sogni. Tutto il diverso dai suoi coetanei romani, divisi in ogni tipo di fascia e tipologia ma, soprattutto, dalle idee politiche. O si è di destra o di sinistra, cosa che, sempre nella commedia nostrana - ma quanto siamo spiritosoni noi italiani? - ha sempre dato una certa connotazione alle pellicole, molto spesso attue a denunciare una certa tematica ed a schierarsi politicamente - ma come ci insegna la music,a c'è stato il boom degli intellettuali di sinistra, nel nostro buffissimo paese. Si può temere quindi un film di propaganda sinistroide [specifico: io non esprimerò mai il mio credo politico in questo blog, ma sottolineo che, qualunque esso sia, nei film - come nei libri e nella narrativa generalista - il più delle volte mi da fastidio il sentir parlare di politica, perché più che i concetti politici, voglio sentire come l'autore esprime le proprie idee personali] ma Virzì fa una cosa molto intelligente: prende in giro la politica tutta e, soprattutto, la classe borghese che si muove fra le sue fila. Non esistono più una Destra e una Sinistra, il nostro paese è in una crisi ideologica fortissima e la cosa si sente fra i giovani che decidono di optare per delle diverse fazioni, quando alla fine il tutto si  limita e una misera esteriorità che accomuna tutti quanti in un superficiale baratro nero. Non esistono più veri ideali, ma semplici esternazioni che sono solo un riflesso attuo a nascondere un'ignoranza e un qualunquismo senza pari, che smuove tutti gli uomini di potere. Altra analisi che ne viene fuori è quella data dal padre di Caterina, uomo disilluso dalla vita che cerca di avere di più (vedere pubblicato il proprio libro da un importante editore) in tutti i modi, sfociando spesso nel ridicolo. Ed è bello vedere questo padre e quella figlia accomunati, perché mostrano due differenti modi di vedere la vita: chi crede di essere nato superiore a tutti ed è quindi fautore del peso che lo schiaccerà, e chi invece, senza pensare di essere chissà chi, va avanti, con la sola forza della volontà di veder realizzate le proprie ambizioni. Perché è vero, il mondi è mosso dai mediocri e dagli ignoranti, ma la vera intelligenza e non cadere vittime del loro stesso gioco.

Non un film perfetto (il finale col ragazzo americano è totalmente inutile) ma comunque semplice, umano e molto pane e salame. Io spero che lo facciano vedere nelle scuole.


Voto: ★ ½

15 commenti:

  1. Risposte
    1. Dai, iniziamo un bel dibattito! <3

      Elimina
    2. Sì dai :)
      Mah non so saranno forse i film "che se la credono" adolescenziali a darmi fastidio? O forse è la protagonista che non sa di nulla? Non è un brutto film però non saprei sinceramente ho visto pochissimi film bei quali ci fosse un vero ritratto di quello che è l'adolescenza. E ne ho visti di pochissimi italiani; solo per citare due "titoli" L'estate del mio primo bacio (spoiler: manco c'è il bacio (m)merda totale, come se bastasse mettere qualche riferimento al sesso per far diventare il film impegnato) o quello della tipa che si spazzolava. L'unico decente di italiano che abbia visto è il semplicissimo I giorni della vendemmia. Poi per quanto riguarda lo spaccato politico su quello non saprei dirti visto che la maggioranza dei film italiani rappresenta molto la borghesia (tipo Il capitale umano, altro film che proprio non mi è piaciuto). Ma la cosa forse su cui mi accanisco di più è ma creare adolescenti donne veritiere è così difficile? Oltre ai soliti stereotipi sui quali si basa la società ovvio ;)

      (spero che tu capisca qualcosa di questo discorso confuso, sorry)

      Elimina
    3. Capito tutto, tranquilla :)
      Il discorso giovanile forse posso dirtelo io che, essendo della 'vecchia guardia' [ho qualche annetto più di te]. Il film è uscito quando avevo pressappoco quell'età e, sottolineo, la mia è stata una generazione molto diversa. Fino a qualche anno fa era normale interessarsi di politica in quella maniera e creare delle vere fasce, cosa che si accentua poi in una città come Roma, che è stata l'epicentro di molti avvenimenti politici. Che la protagonista poi sappia di nulla concordo solo in parte, Virzì Ha voluto ritrarre un animo semplice, esagerando in certi casi.
      Sugli altri film poi - che due sono proprio di Virzì XD - posso dire ben poco, non avendoli visti. Mi dovrò vedere quello della vendemmia, se me ne parli così :)
      Sulle donne veritiere credo sia il perenne problema di quando ci si mette un uomo a scriverne. Pure io ogni tanto ci provo e mi rendo conto che il mio lavoro lascia a desiderare. Per descrivere un essere completo e complesso come la donna ci vuole proprio una donna ;)

      Elimina
    4. Sì hai proprio ragione la mia generazione la politica non la segue (me compresa) ma forse perché siamo tutti (chi più chi meno) disillusi. E riconosco che le mie idee al riaguardo siano un po' estremiste o magari è una fase anarchica. Sul fatto della rappresentazione femminile sarebbe bello vedere molte più registe italiane all'opera :)

      Elimina
    5. Non credo. Essere 'disillusi' già da giovani è una cosa che non concepisco. Disilluso lo diventi, non ci nasci. Più che altro i giovani, sia in famiglia [non è un'accusa alla tua, tranquilla, non mi permetterei mai] che a scuola, non sono più educati a informarsi.

      Elimina
    6. Esatto disillusi è un po' forte però a scuola più che altro ho sempre e solo sentito gli stessi professori lamentarsi della crisi. Con qualche accenno alla politica, ma proprio sottile, solo scandali da giornale rosa. Il che era una vera palla, penso che a molti piaccia piangersi addosso ed essere vittime. Ma questo è un'altro discorso molto complesso visto il salto generazionale.

      Elimina
  2. Molto carino davvero, uno dei miei preferiti di Virzì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho visto molto di suo, ma comunque sì, bellino!

      Elimina
  3. Preferisco Ovosodo. Ma anche questo non è male. Il contrasto metropoli/provincia (anche perchè ho sempre abitato in provincia e frequentato la metropoli) mi ha sempre affascinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ovosodo" mi manca. Comunque pensa, io abito in un paese di campagna...

      Elimina
  4. Bella recensione per un film che detesto come il suo regista. Con Virzì non riesco a essere razionale e oggettivo, qualunque cosa lui faccia per me è pattume,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede. Pensa che io, pur ammettendo che è un caPOPlavoro, non riesco a sopportare "Ritorno al futuro"...

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U