domenica 5 ottobre 2014

Boxtrolls - le scatole magiche


Da che ho memoria ho sempre guardato cartoni animati. Il lavaggio del cervello definitivo è arrivato durante le superiori, quando andavo avanti a pippe e anime, per poi trovare una certa stabilità con la Pixar, una casa che amo tuttora e che mi ha regalato alcune delle più grandi meraviglie che io abbia visto. E non solo a livello di cartoni animati, ma di film veri e propri. Perché anche in occidente, per quanto dicano molti jappominkia, possiamo fare dell'animazione degna di nota. Ed è proprio dall'occidentalissima Laika che sono arrivati due dei film d'animazione più interessanti degli ultimi anni. Uno è quel quel Coraline e la porta magica, che dalla sua aveva comunque il libro di Neil Gaiman (che non è proprio il primo fesso che passa) e la regia di Andy Selick (che di sicuro non è da meno), mentre l'altro è il tenerissimo ParaNorman, grandioso mix fra horror, comicità e racconto di formazione. Caratteristica di questa neonata casa sembra essere proprio lo scegliere storie molto cupe, originali e, soprattutto, di realizzare mediante la stop motion, tecnica di animazione che io adoro alla follia - senza nulla toglier,e ovviamente, a quelli realizzati in CG - e che già da sola basta a farmi promuovere un film. Ma cercherò di essere comunque obiettivo e di dire la mia su questo loro The Boxtrolls, pellicola che attendevo con una certa smania.

I Boxtroll sono delle creature che vivono nel sottosuolo, amano rubacchiare cose con le quali costruire strani marchingegni. Nella comunità di Pontecacio, dove il sindaco è interessato solo ai propri formaggi, sono però temuti, poiché Archibald Arraffa, che desidera più di ogni altra cosa la propria scalata sociale, ha sparso in giro la voce che essi sono dei poco di buono e che hanno divorato un bambino. In realtà il bambino è stato cresciuto con amore e affetto, fino a che un giorno...

La qualità è sempre molto alta anche se, ma qui entra in scena un mio gusto personale e una ancor di più personalissima ingerenza anagrafica, personalmente non mi ha catturato come le avventure del piccolo sensitivo. Questo film ha dentro di sé molto cuore e delle grandissime tematiche, eppure soffre il fatto di essere fin troppo rivolto a un pubblico di bambini. Il che non è per forza un male, perché un bravo autore riesce ad appassionare i più piccoli ed a lasciare uno spiraglio anche per le menti dei genitori che li accompagnano al cinema (a tal proposito: non dimenticherò mai gli occhi della bigliettaia quando ha visto che ero l'unico 'adulto' che non doveva accompagnare nessun bambino, un disprezzo che ho visto solo quando, da piccolo, il prete del mio paese mi ha beccato mentre mi stavo scaccolando durante la messa), come ad esempio succedeva con le precedenti pellicole della casa. Qui siamo fin troppo child-oriented, cosa che da all'insieme un aspetto fin troppo naif che non si sposa con una certa drammaticità che vogliono dare certe scene. Influisce anche una durata abbastanza tiranna, ottantotto minuti, dovuti anche dal fatto che fare film così costa assai e quindi non ci si può lasciare andare a della manie di grandezza, ma che però impedisce di approfondire a dovere certi aspetti e di correre su altri che forse avrebbero meritato un trattamento migliore - ma lì forse si sarebbe sfociato nella fiaba grottesca per adulti. Rimane comunque quel fattore che a me, ventenne degli Anni Zero, ha dato leggermente fastidio. Ma ripeto, è un bel film, che ha mascherati (forse un po' troppo) fra le righe dei temi che di sicuro i più piccoli non potranno affrontare. Ho amato alla follia l'ambientazione un po' steampunk e un po' gotica di Pontecacio, con questo sindaco così fossato per il formaggio da evitare di voler costruire un ospedale pubblico per dedicarsi interamente alla sua passione, scena che è decisamente più satirica di molte altre cose ben più pretestuose viste di recente, ed ho amato soprattutto i Boxtroll. Che non sono i soliti animaletti buffi dei cartoni animati (un po' la fine che hanno fatto i troll di Frozen), ma sono relegati a uno specifico messaggio. Tutti i personaggi sono relegati a un ruolo che sentono non essere loro, Arraffa infatti vuole avanzare socialmente e pensa che per farlo debba per forza ottenere una tuba bianca e rifocillarsi di formaggio, cibo che gli crea delle reazioni allergiche ai limiti del body-horror cronenberghiano, mentre i Boxtrolls del titolo sono esseri così timidi da doversi fingere delle scatole per sfuggire agli occhi indiscreti. senza contare che hanno una pausa folle di essere 'spogliati'. Sarà proprio colui che è vissuto a metà di questi due mondi, il bambino Uovo (ironicamente, il personaggio meno interessante di tutti) a portare la giusta giustizia in un mondo fatto di divisioni e classi. Perché il modo giusto per vivere, alla fine, è decidere di nostra mente cosa fare di noi stessi, sfuggire dalla scatola che alla quale ci teniamo così ferocemente aggrappati, la nostra prigione volontaria, senza cercare essere quello che non siamo. Perché non è detto che solo perché la gente ci crede dei mostri, allora lo siamo veramente, anzi, rischiamo di trasformarci in tali se persistiamo in questo pensiero. E trovo rinfrancante che sia proprio un cartone, nonostante le sue pecche, a dare un messaggio simile, senza troppi perbenismi e con delle trovate macabre davvero interessanti. Forse non tutti i bambini lo capiranno, forse i più piccoli si fermeranno all'aspetto più coccoloso della faccenda... ma c'è la speranza che da quello venga iniettato il germe necessario, dando così spazio alla malattia più sana di tutte: il pensare.

Sono curioso di vedere cos'altro riuscirà a regalarci in futuro questa casa d'animazione giovane e agguerrita, sperando che non perdano mai lo smalto dimostrato fino ad ora.


Voto: ★ ½

15 commenti:

  1. Ultimamente concordiamo parecchio.
    E, sempre ultimamente, mi sembra che tu scriva meglio, ma non meglio nel senso di meglio (figurati se mi permetto sento io di giudicare), ma nel senso che sei più pacato e "serio", dici cose tutte giuste e meno da rompicoglioni.
    :)

    Anche te hai scritto che paradossalmente il protagonista è il personaggio che fa meno macchia, concordo.

    Ma quando hai scritto che il sindaco è "fossato" per il formaggio lo sai che senza volerlo hai avuto un lapsus straordinario?

    spero che non ci sia bisogno che la spieghi

    bravo Giacomino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rompicoglioni lo sono sempre, questo non sia mai U.U penso comunque che quella sia la vecchiaia che avanza. E a vecchiaia lascia molti lapsus XD

      Elimina
  2. permetto sento è licenza poetica

    RispondiElimina
  3. Spero di vederlo presto, ho un certo debole per i film che nascono per "bambini" e poi alla fine insegnano ad ampio raggio, grandi compresi.
    P.S. anche quelli che vivono di "pippe e anime" XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la battuta triste del decennio XD

      Elimina
  4. vorrà dire che con la scusa di portare i figli....

    RispondiElimina
  5. Ovviamente concordo e anzi hai percepito dei messaggi che a me non erano arrivati. Bella recensione! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello del cinema è proprio questo, alla fine, condividere e apprendere l'uno dall'altro :)

      Elimina
  6. Sono sempre stata attratta dai film d'animazione ed ero proprio curiosa di sapere se questo in particolare era bello oppure se era meglio ignorarlo, noto con piacere che invece merita anche se per bambini, anzi non fa mai male tornare a determinate atmosfere fanciullesche :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma chi non è attratto dai film d'animazione è una cattiva persona a prescindere, si sa ;) questo per me merita molto, come si è capito dal voto. Vedilo e fammi vedere che ne pensi :D

      Elimina
    2. Visto, molto bello! Adoro la creatività che esprime un lavoro di questo tipo, piacerebbe anche a me avere questo tipo di idee geniali ahahahahah

      Elimina
    3. Sono felice che ti sia piaciuto :) se ce la fai recupera anche i lavori precedenti di questo studio!

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U