martedì 25 novembre 2014

Boyhood


Ne hanno parlato tutti, in tutti i mari e in tutti i laghi - e noi non ci facciamo mancare nulla, manco le citazioni trash. Mancavo solo io all'appello. E forse l'etere avrebbe fatto volentieri a meno del mio inutilissimo parere, ma siccome al mio posto non ci so stare ho persistito negli intenti e alla fine ho visto questo benedetto film di cui parlavano tutti - promuovendolo a gran voti, poi. Purtroppo in questo periodo sto lavorando come custode ed essendo impiegato dalle tre di pomeriggio fino a mezzanotte, con tutti gli impegni che una vita normale richiede, la visione dei film è stata rimandata fino a data da destinarsi, complice anche una distribuzione fetente che da me l'ha lasciato un-giorno-dico-un-giorno-porco-Gervaso. E questo Boyhood è un film che va visto un po' a prescindere, anche perché, stando a quello che dicono i giornali, è stato girato poco a poco nell'arco di dodici anni, ottenendo un invecchiamento più vero del reale degli attori coinvolti. Ma c'è forse da ricavare qualcosa di buono in un film che punta quasi tutto su questo suo personalissimo modus-operandi? Cosa lo differenzia, a conti fatti, dal tanto sbandierato 3D che fu di Avatar ai tempi? Mi rendo conto che si tratta di paragoni un po' empi, ma comunque è una riflessione che mi è venuta prima della visione.

Si seguono dodici anni della vita di Mason, dagli otto fino ai venti, passati prevalentemente insieme alla madre Olivia e alla sorella Samantha. Anni che passeranno fra delle scelte coniugali poco felici da parte della genitrice, numerosi traslochi, la presenza di un padre non affidabilissimo ma comunque buono e la crescita, in un'America che muta col suo protagonista.

Alla fine il film è promosso o bocciato? Diciamo promosso, anche se con delle riserve. Perché anche se non si può fare altro che ammirare lo sforzo che ci ha messo Linklater per portare avanti questa fatica cinefila, alla fine non si può negare che non lasci molto altro. Voglio dire, se fosse stato fatto nella maniera normale, con un classico trucco e parrucco o cambio generazionale degli attori, il film sarebbe stato così diverso? No. Ma sicuramente avrebbe fatto parlare meno di sé. Il problema principale di Boyhood è che i suoi intenti sono lodevoli e del tutto rispettabili, ma il risultato forse non vale la candela. Tornando al film campione d'incassi di Giacometto Camerlenghi, com'è che tutti si sono lamentati del fatto che le avventure del mondo di Pandora siano state scritte in maniera così prevedibile, mentre lo stesso accade con questo film, che è stato tirato avanti per ancora più anni, e tutti gridano al capolavoro? In dodici anni di lavorazione mi sarei aspettato almeno che ne venisse fuori un qualcosa di memorabile, che la maturità che investe un autore e una persona avesse modo di farmi crescere durante la visione e invece, nonostante in risultato finale comunque accettabile e che lo rende degno di essere visto, posso dirmi in parte deluso. Ma forse la colpa è di tutto quell'hype ventosi a creare nel leggere quelle recensioni entusiastiche (e qui premetto che non mi faccio portavoce di nessuna verità assoluta, anzi, sono un tizio particolarmente ignorante) di gente che molto probabilmente ha visto cose che a me sono sfuggite. Perché nel voler ritrarre questo scorcio di vita americana in quasi tre ore, la noia in certi momenti la fa da padrona, insieme a quella vocina che ci fa domandare se era davvero necessario un trattamento simile. Troppo tempo speso a dire poco o nulla, solo a mostrare la quotidianità.Che per carità, è bella, onesta e coerente, ma è inutile che mi si voglia spacciare per normale un qualcosa che poi mette in scena maltrattamenti domestici e continui traslochi, sono cose che (per fortuna) non tutti hanno dovuto passare e possono influire psicologicamente su una persona. Eppure qui le cose accadono ma non lasciano il mordente giusto e pure la terribile scena della Arquette (perché una così brava attrice la si conosce solo per Medium?) che viene picchiata dal marito viene dimenticata in fretta. A questo poi seguono molte altre scene che, come compaiono, vengono dimenticate. E posso capire che «Eh, la vita è fatta anche di quei momenti», ma vorrei ricordare che Moravia ha scritto La noia e non finisce per annoiare manco in una pagina. La colpa principale si può dare anche a un protagonista abbastanza insapore che, nel cercare di dover rappresentare quelli che sono tutti i giovani, finisce per non avere un carattere proprio, portando avanti il film stancamente fra le varie - troppe! - scenette inutili che decisamente non arricchiscono un film che patisce principalmente proprio per il geniale modo in cui è stato realizzato, che in più di un momento offusca quello che è il giudizio generale. Perché forse alla fine non voleva parlare solo della gioventù e della vita media americana, o almeno, non solo. Il tema principale del film mi sembra quello del tempo e delle persone che si diramano dentro di esso. E proprio per questo in più di un punto il vero protagonista non mi è sembrato tanto Mason quanto sua madre, una donna non perfetta e che proprio non si sa scegliere gli uomini, che però ce l'ha messa tutta per far tiare avanti quei figli che adora, per dare loro un tetto sopra la testa e la possibilità di rincorrere i propri sogni. E' a lei che Linklater offre la scena più bella del film, quella del pianto disperato prima che il suo figlioletto se ne vada per il college, elencando tutti quei momenti belli e brutti passati insieme e che, forse danno un senso di esistere a quella lunghezza e a quella narrazione non sempre indispensabile. Ha i suoi momenti anche quel padre che, sempre in quel maledettissimo tempo, si trasforma nell'uomo noioso che magari l'ex-moglie avrebbe voluto molto prima. Ed è proprio al tempio che si rivolge quel bellissimo finale. Forse non bisogna cogliere l'attimo, è l'attimo che coglie noi. Quindi volgi lo sguardo all'orizzonte, Mason, di attimi ce ne saranno ancora molti. Ma sono quelli che hai passato ad averti reso come sei.

Un bel film anche se, parafrasando quello che dice il padre durante la scena del bowling, in certi momenti avrebbe avuto bisogno di qualche spondina.


Voto: 

23 commenti:

  1. Sinceramente? Io sono molto più cattivo. Sul "mettere in scena": Linklater non mette in scena niente, ma suggerisce tutto. Suggerisce la prima volta di Mason a letto con la sua ragazza (e non la mostra), suggerisce che la moglie venga picchiata (e non lo mostra) e così via fino all'estenuante conclusione del film. Non ci volevano quasi 3 ore per raccontare questa storia, se l'avesse accorciata di almeno mezz'ora sarei stato anche più buono. Ma la durata è fatale, per un prodotto cinematografico, e Linklater ha toppato quasi alla grande. Ecco, vedi? Nemmeno totalmente brutto è riuscito a farlo, questo film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul suggerire e sul non mostrare mai non ci avevo mai pensato! Sarà che comunque quelle due scene che ho citato mi hanno davvero colpito e, se si fosse fatto maggior perno su quei momenti, ne avrebbe sicuramente beneficiato.

      Elimina
  2. Svieni: QUOTONE COMPLETO (ed anche il motivo per cui non lo vedrò tanto presto.SE lo vedrò)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se non l'hai visto quoti cosa? Il primo paragrafo? O.o

      Elimina
    2. Analisi, opinione, stesura, parallelismi, citazioni, impressioni, approccio...In breve, tutto quello contenuto nel testo. Sai: esiste anche il testo, oltre il film... ;)

      Elimina
    3. Wow, ed io che mi aspettavo manganellate oscene per l'accostamento ad "Avatar" :D

      Elimina
    4. azzeccatissimo, invece. Un colpo di genio...Come anche l'accenno a Moravia.

      Elimina
  3. Non ho visto il film ma già piango per la scena citata della mamma nel pre partenza del figlio per il college. *___*
    Spero di vederlo presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te sei madre, sei sicuramente molto più coinvolta di me nella cosa XD

      Elimina
  4. A mio parere film splendido proprio nel raccontare la vita per com'è, senza 3D o cose di questo tipo - anche se comprendo il tuo paragone e ho adorato Avatar -.
    Bottigliate, invece, a Mattia e Giocher, non me ne vogliano perchè le dispenso qui dalle tue parti, e non volermene neanche tu. ;)
    Il primo perchè la grandezza di alcuni registi sta nel portare in scena senza essere troppo ingombranti - come il mio adorato Clint -, il secondo perchè senza averlo visto pare un pò eccessivo scrivere di essere completamente d'accordo con una recensione. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico Ford: la strada dell'eccesso porta al palazzo della saggezza..Ed io sono un po' troppo cresciutello, vissuto e "visto" di cinema per non saper inquadrare un film alla 20a recensione letta ;) ;)

      Elimina
    2. Concordo sul portare in scena senza essere mai ingombranti, ma qui un pochetto si esagera. Credo che Mattia volesse intendere quello. Su Giocher invece mi tocca un attimino concordare, come gli avevo già scritto. E ribadisco che non si è mai troppo "visti", crescere è un apprendere continuo. E non vale leggere le recensioni, vedere un film è anche testimoniare cosa ha lascito a noi.

      Elimina
    3. E' evidente che entrambi non mettete l'esperienza filmica al servizio dell'intuito, mi sa. Uno non e' che ha bisogno tutte le volte di ficcare le dita nel 220 per sapere che prendera' la scossa. Inolltre, i pattern analitici dei recensori di cui ho letto i resoconti mi sono tutti noti, comprovati e comparati alla visione personale. Quindi non vedo dove stia la magia. I vosti blog sono zeppi di pellicole di cui ho mantenuto (se non peggiorato) l'impressione della lettura una volta vista la pellicola.

      Elimina
    4. Io, sinceramente, continuo a preferire sperimentare sulla mia pelle, che non affidarmi ai pareri anche di persone che penso di conoscere.
      Altrimenti sarebbe un pò come dire: "Io quella me la scoperei, ma dato che se l'è già scopata il mio amico, allora è come se l'avessi fatto anche io!".
      Per un amante dell'esperienza come il sottoscritto, meglio il 220 che la teoria. ;)

      Elimina
    5. Se conosco l'amico ed i suoi gusti, abbiamo gia' coniugato giudizi analoghi e mi dice "Lascia perdere, sara' anche fregna ma poi te ne penti perche' e' una cella/ e' una noia/ e' un pacco totale a letto" PASSO! XD (in piu' di un occasione analoga ho salvato e sono stato salvato)

      Elimina
    6. E se l'amico lo dicesse solo perché vuole tenersi la tipa tutta per sé?
      Guarda poi che ogni lasciata è persa :-P

      Elimina
    7. E quello lo appelleresti "amico" ??? E certe so per certo che meglio perderle che trombarle. XD

      Elimina
  5. io sono stato un po' più generoso di te col voto ma concordo alla grande con la tua analisi...tra un po' Boyhood sarà ricordato non per la sua storia ma solo per come è stato realizzato...e ci sta anche il paragone con Avatar , tanto avanti nella forma quanto deteriore nella scrittura cinematografica....io Avatar l'ho odiato...e ci spesi anche i soldi del cinema e degli occhialetti....'fangulo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E dire che a me "Avatar" era piaciuto XD e a fine visione non mi ero pentito manco dell'ora e mezza di fila e dei soldi degli occhialetti.
      Ma ero giovane e poveraccio, non volermene

      Elimina
  6. Come ho detto recentemente, un film per essere bello mi deve prendere e Boyhood mi ha presa, al di là della sua realizzazione, proprio per la banalità della storia narrata, per i sentimenti condivisibili che veicola, perché forse ero dell'umore per farmi prendere. Poi oh, a me era piaciuto anche Avatar e ci avevo pianto come una fontana! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a me piace Snyder... quindi dopo questa credo che tutti possano essere perdonati XD

      Elimina
  7. Mai stata più d'accordo con qualcuno.. anche se secondo me sei stato fin troppo clemente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma alla fine non è così pessimo, solo che in tre ore di duratami aspettavo di più. Se non altro a fine visione una parvenza di messaggio la lancia...

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U