mercoledì 31 dicembre 2014

2014: classifica di fine anno!



Giunge, attesa o meno, la fine dell'anno. Che come diceva una certa celebre trilogia: ogni cosa che ha un inizio, ha anche una fine. Ma si sa che fine e inizio sono sempre collegati, perché ciò che è la fine di qualcosa segna l'inizio di qualcos'altro. E la fine di questo 2014 porta all'inizio di un 2015 che, speriamo, possa essere il più lieto possibile per tutti.

Potremmo andare avanti a filosofeggiare, ma non credo sia questo il luogo adatto. Questo è un blog di cinema, un blog molto cazzone, casomai non si fosse capito, e per unirmi alla comune cazzonaggine, stilerò quella che è la classifica dei dieci film migliori e peggiori che ho visto in questa particolare annata - ricordo poi che cliccando sui titoli dei vari film si verrà portati automaticamente alla loro recensione.

Un'annata che, per me, è stata davvero fortunata. E infatti stilare la lista dei peggiori è stato abbastanza difficile, perché più che a film veramente brutti, mi è capitato di visionare dei film deludenti. Quindi la classifica verrà nominata col nome di Delusioni, perché si è trattato più di quelle che di altro.

Avviso che, ovviamente, potranno mancare dei titoli, perché purtroppo io sono il classico ritardatario e alcune pellicole me le sono clamorosamente perse. Spero quindi che la cosa non vi faccia arrabbiare, e che ugualmente i titoli presenti possano portare a costruttive considerazioni e a un sano confronto reciproco.

Del resto, il cinema (ma anche l'arte in generale) serve proprio a questo, al confronto che può far crescere l'uomo. Da che mondo e mondo e in tutte le fasi dell'anno!





LE DELUSIONI


Visto al cinema con la mia ragazza, perlopiù gratis. Ma nonostante tutto, il film è riuscito ad annoiarmi tremendamente come non accadeva da tempo. Non la cosa più brutta di quest'anno, ma meritatamente fra i dieci peggiori, senza dubbio.

9: HORNS
Tecnicamente, il film è del 2013, però in America è uscito al cinema solo quest'anno. Un'eventuale proiezione da noi sembra ancora abbastanza lontana... ma non credo sia un male. Forse sarà che il ricordo del libro da cui è tratto, scritto dal figlio di Stephen King, è ancora fresco, ma il risultato finale di questo film è davvero osceno, nonostante un inizio più che discreto e accattivante.

Una delle pellicole più pernacchiate dell'anno, questo remake a opera di Kimberly Peirce, nonché seconda trasposizione del bel libro di Stephen King dopo il lavoro di Brian DePalma. Uno spreco di cast abnorme e un finale che prende in giro l'intelligenza dello spettatore. Davvero insulso.

La mia passione per i fumetti è ben rinomata. Se poi mi fate pensare ai supereroi, la memoria mi va a un personaggio come l'Uomo Ragno, forse il mio preferito insieme a Batman. Un personaggio a cui sono affezionatissimo e con cui sono cresciuto, ecco perché mi sono trovato a odiare un film brutto, insulso e vuoto come questa terza fatica di Mark Webb. Roba da augurare ai produttori di annoiarsi per tutta la vita.

L'unica cosa che s'ha da ammazzà è l'anima de li mortacci vostri! Film noioso e girato stancamente che, sia dalla pubblicità di lancio che dallo svolgimento, pone le sue basi unicamente sulle marmoree zinne di una Eva Green bella come non mai. Non che mi lamento, perché anche l'occhio vuole la sua parte, ma con quel tanto bastava un calendario, non un film di un'ora e mezza.

Ma la colpa più grossa che ha è quella di non essere nemmeno abbastanza brutto e, di conseguenza, importante. Una storia di amore e malattia che sembra sceneggiata da un bambino delle medie. Roba che se un vero malato la vedesse, per me avrebbe tutti i motivi per sentirsi offeso.

Può non sembrare, ma io un pochetto a Trier gli voglio bene. Più che altro gli riconosco una grande intelligenza (d'altronde, un film bellissimo come Dogville non lo crea il primo idiota che passa), solo che la usa per prendere in giro il proprio pubblico anziché per fare bei film. E questo Nymphomaniac ne è la prova eclatante, specie dopo i verticalismi trash della seconda parte.

Dopo il secondo capitolo sulla città del peccato, la procace Eva Green ci delizia le pupille con le sue migliori qualità, peccato che ambo i film ne abbiano risentito. Perché per quanto belle, le tette della Green internazionale non bastano a riscattare un film scritto male, recitato peggio, diretto in maniera insulsa e, cosa peggiore di tutte, noioso fino alla morte. Non che l'originale di Zack Snyder potesse vantare chissà che, ma almeno era un sano divertimento ignorante.

Quest'anno ci ha deliziato con le nudità delle attrici più belle in circolazione, perché dopo Eva Green, tocca alla musa Scarlett Johansson posare senza veli, alzando ulteriormente l'interesse (e non continuo, sennò ci starebbe una battuta molto volgare) su un film che altrimenti si sarebbero filati in pochi. Ma il risultato è davvero imbarazzante... ma pur di vederla nuda, tutti lo hanno visto fino alla fine.

Probabilmente non è così brutto da meritare il primo posto, ma erano anni che al cinema non vedevo qualcosa di così imbarazzante. E ad aggravare il giudizio finale sta il fatto che questo scempio è stato perpetrato proprio da chi, in passato, ha saputo fare una dignitosissima trasposizione della Terra di Mezzo. Shame on you, Peter Jackson!




LE 'MEGLIO COSE'

10: DUE GIORNI, UNA NOTTE
Un film che in quello che è il mero processo narrativo non mi ha convinto appieno, ma con un finale che è riuscito a darmi un poco di più di fiducia nell'umanità. Un film umano e attuale, di quel cinema-verité dei fratelli Dardenne.

9: MAPS TO THE STARS
La prova che un regista di classe lo si vede anche nei film che non gli riescono appieno. Questa forse non sarà la migliore pellicola del regista canadese, ma affascina e disgusta come poche altre hanno saputo fare quest'anni. E il ritratto che ne esce alla fine è quella di un'umanità squallida e che ha perso la via. 

8: ANIME NERE
Il cinema italiano qualche cartuccia da sparare ancora ce l'ha. Anime nere infatti poteva sembrare l'ennesimo titolo a tema mafia/meridione, invece s stupire, colpendo nello stomaco e inquadrando il problema da una prospettiva onnisciente che non risparmia nessuno. La criminalità usata per indagare l'oscurità dell'animo umano.

7: INTERSTELLAR
Inizialmente volevo mettere Gone girl, ma poi ho optato per questo. Un po' perché Nolan è un regista che mi ha segnato e a cui sono affezionato, e anche perché il nostro prestigiatore preferito, pur essendo incappato più volte nel cinema 'di cassetta', ha sempre mantenuto intatta la sua identità stilistica. E nonostante molte imperfezioni (ritmo troppo lento, inni all'umanità ma tre personaggi che muoiono della comune indifferenza e così via) quello che ci viene propinato davanti è, indubbiamente, grandi cinema.

6: I GUARDIANI DELLA GALASSIA
La presenza di un film Marvel stupisce anche me ma, per quanto ci si sforzi nell'essere alternativi o che so io, non si può negare che questo film diverte ed emoziona ma, soprattutto, ha cuore. Una delle migliori pellicole di genere dai tempi di Spider-man 2.

5: LOCKE
Un film normalissimo ma, allo stesso tempo, particolare come pochi altri. Sia per quelli che sono i particolari tecnici e narrativi, Come hanno scritto in uno dei commenti, la prova che per fare un bel film servono solo idee e una buona regia. E un attore della Madonna, che non guasta mai.

4: APES REVOLUTION - IL PIANETA DELLE SCIMMIE
La vera sorpresa dell'anno. Mi aspettavo qualcosa di buono, ma non a questi livelli. Fra riletture orwelliane, personaggi credibili e degli effetti speciali da urlo, questo film ha saput meravigliarmi molto di più del blasonatissimo V for vendetta. Vedere per credere.

3: THE WOLF OF WALL STREET
La vecchia guardia Martin Scorsese ritorna dietro la macchina da presa per confezionare un film folle, assurdo, divertentissimo ma anche attuale. L'avidità ripresa in maniera assurda e colorata, senza però nasconderne il marcio che c'è sotto. E con un DiCaprio al massimo della propria forma - se a questo giro non gli danno l'Oscar, m'incazzo!

2: SI ALZA IL VENTO
L'addio di un maestro assoluto, che ci regala una delle sue opere più lontane delle corde tipiche che ci ha mostrato, ma che rimane ugualmente bellissima. Una dichiarazione d'amore non solo verso la propria forma d'arte, ma verso tutto ciò che è creare. E scusatemi se non è poco. E scusatemi se sul finale una lacrimuccia m'è scesa...

1: GRAND BUDAPEST HOTEL
Non so che dire, perché credo che ogni parola qui sia vana. Se non l'avete visto, andate subito a rimediare a questa mancanza. Una bomba!

33 commenti:

  1. Ho misurato la nostra compatibilità con un nuovo strumento incredibile, pagato 7200 euro.

    Mi dà un 41%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, meglio che niente ;)

      Buon anno!

      Elimina
  2. a me per esempio Colpa delle stelle mi ha stupito in positivo perchè credevo che l'avrei detestato....mi mancano un po' di titoli del tuo best, tipo il primo , ma quelli che ci sono li approvo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo caso mi sa che è la vecchiaia che avanza :-P per il resto mi sembra inutile aggiungere che devi recuperarli XD

      Elimina
  3. Ottime classifiche! Recupererò Anime Nere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo assolutamente! E' stata davvero una bella sorpresa, molto inaspettata.

      Elimina
  4. Menomale che tra le delusioni l'unico che ho visto è 'Nymphomaniac'... e devo dire che non merita di stare lì! Ma ricordo la discussione nata a suo tempo :)
    I top 10 invece sono più che condivisibili.
    Auguroni per un bel 2015 cinefilo!!
    Sauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, quella discussione lasciamola lì, grazie XD
      Auguroni anche a te :)

      Elimina
  5. applaudo con tutte le mie 4 mani la tua classifica
    GBH for ever!!!!
    (lo so che a molti non è piaciuto: chissà cosa diranno alla premiazione dei Goldencosi...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, devo ancora trovare una persona a cui non sia piaciuto O.o

      Elimina
  6. Bella classifica della quale però mi mancano alcuni titoli (Anime Nere, Under The Skin). Grand Budapest Hotel quatto quatto si è fatto strada verso la vetta, ma d'altronde come non amare Wes e i suoi mondi. Ma quel Nymphomaniac nelle delusioni? Eh? Non costringermi a venire lì perché sennò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo fare una battutaccia, ma ultimamente ho un po' di paura nel parlare di quel film .___.

      Elimina
  7. Under the skin dietro il pur deludente Hobbit non si può proprio guardare!
    E Gran Budapest, per quanto bello, non può superare il Wolf e il Sensei, eddai! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma gli ultimi tre li ho amati in maniera pari. Potrei ben dire che sono andato in ordine alfabetico XD

      Elimina
  8. Meno male che qualcun altro ha parlato male di Colpa delle stelle, sentivo tutti parlarne bene e stavo iniziando a sentirmi a disagio per averlo odiato.
    Faccio la bastian contraria insieme a te anche per Interstellar che non è piaciuto a nessuno ma io ho amato. E in modo del tutto inaspettato ho adorato anche i Guardiani della Galassia, tiè.
    Buon anno!:D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è chi Interstellar l'ha messo quasi film dell'anno... (colpi di tosse)

      No, approfittando di questa notifica di Mari mi accorgo che delle tue 10 delusioni ne ho vista solo una, Nynphomaniac, che ovviamente da me è tra i 5 dell'anno.

      Infatti la compatibilità del 41% riscontrata dal macchinario che ti dicevo prende tutti i suoi punti nei migliori film e in altri parametri che ho inserito durante l'anno.

      Ti sveglierai alle 14.00 minimo

      Elimina
    2. @Mari oddio, "Colpa delle stelle" è piaciuto a molti ragazzini, ma "Interstellar" da quel che ho visto ha fatto impazzire mezzo mondo O___o anzi, io sono uno di quelli che l'ha trattato più freddamente.
      Buon anno anche a te :)

      @Caden doveva essere più bassa, così avremmo avuto un motivo per litigare di più.
      In realtà sono andato a dormir alle otto e mezza e mi sono svegliato tre ore dopo. Tiè!

      Elimina
    3. Hai detto bene, mezzo mondo. Metà l'ha amato con passione e ci ha pianto calde lacrime in sala (tipo me, per non citare nessuno), ma l'altra metà l'ha stroncato senza pietà alcuna. Mi spezzano ripetutamente il cuore, son cose che segnano.

      Elimina
    4. Ma la gente non ha mai mezze misure, si sà

      Elimina
  9. Ne ho visti sei tra i tuoi peggiori e cinque tra i tuoi migliori...
    Comunque sono contenta per Grand Budapest Hotel, dato che da me non sarà primo (se e quando verrà alla luce la mia classifica), così bilanciamo e il Karma non ci punirà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cacchio, i miei peggiori mietono successi, vedo!

      Elimina
  10. Ci sono quasi più film validi tra le tue delusioni che tra i tuoi top.
    Diciamo che prendendo il meglio dalle due liste ne esce una (quasi) decente :)

    Sull'ultimo Lo Hobbit comunque mi voglio fidare, visto che io già il secondo non sono manco riuscito a finire di vederlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbeh... si fa quello che si può, in periodo di crisi :-P
      No, evitalo. Se poi te lo dice un tolkieniano convinto, hai solo da fidarti.

      Elimina
  11. uh abbiamo gusti un filo doversi mi sa, i miei preferiti nella tua top 10 si trovano alla posizione 3 e 10, mi è piaciuto anche si "Alza il vento" ma non trovo sia il miglior Miyazaki! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto sono curioso di conoscere i tuoi gusti! Adoro confrontarmi con chi la pensa diversamente da me :D
      Manco io penso sia il suo migliore, credo gli darei un terzo posto. Però fra i film che ho visto quest'anno - me ne sono persi parecchi, purtroppo - è stata una delle visioni più belle. Mi ha scaldato il cuore.

      Elimina
  12. me ne mancano tanti, devo recuperare...anche se alcune cose le abbiamo in comune, anche se non raggiungiamo il 41% del software armelliniano...


    qui sotto ti lascio il link, in quanto mi son trasferito...Auguri ^_^

    http://meridionews.it/blog/onironauta-idiosincratico/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sti, n'altro che se ne va... la blogsfera deve lasciare proprio dei brutti ricordi...

      Elimina
    2. ho tradito blogger solo perché credo nel progetto dei ragazzi di Meridionews...ahuhuahua

      Elimina
  13. Grand Budapest Hotel primo? Grande! Manca però secondo me un film fondamentale del 2014: Her!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ti dirò... mi è piaciuto, ma non tanto da metterlo nella magnifica decina.

      Elimina
  14. Io e te siamo destinati a non andare d'accordo mezza volta xD
    No vabè, a parte gli scherzi, io non ho trovato "Colpa delle stelle" così malaccio. Per carità, l'odore di americanata si sente lontano un miglio, però credo che sia un modo alternativo per vivere questo tipo di malattia. Poi magari parlo così solo perchè certe scene mi spezzano a metà xD
    E poi non sono d'accordo "The Wolf of Wall Street", molto ben diretto sicuramente, ma troppo lungo per le due porcate che fa vedere di continuo. Insomma, tre ore di sesso e sniffate non sono un po' troppo? L'idea l'ha resa di sicuro ma...che palle!
    E poi complimenti! Perchè a capire il genio di Miyazaki non sono in molti ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivisibilissimi tutte le critiche che hai mosso, devo dire. Il cinema, come l'arte tutta, si vive anche su sensazioni personali e non metto in dubbio che certe cose a te possano aver emozionato o dato fastidio, a differenza mia.
      L'unica cosa che mi lascia perplesso è il genio di Miyazaki... pensavo fosse idolatrato un po' ovunque O__o

      Elimina
    2. Il cinema è SOPRATTUTTO sensazioni personali, infatti io mi permetto di discutere tanto per scambiare due idee ma non vuol dire che dobbiamo pensarla tutti allo stesso modo.
      No, purtroppo la maggior parte delle volte parlando con la gente questa mi risponde che non ha la minima idea di chi sia Miyazaki e cos'abbia fatto...è molto triste!

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U