mercoledì 18 marzo 2015

Boomstick Award 2015


Come ogni anno arriva.

Come cosa? Ma il Boomstick Award, il premio più figo della blogsfera ideato dal buon Hell di Book and Negative! L'ennesima occasione per noi blogger perditempo per cantarcele a suonarcele da soli e premiare quello che lo fa meglio.

Quest'anno sono stato premiato dal grande Bradipo, premiazione che giunge assai felice non solo perché tale, ma anche perché viene da un 'collega' di cui ammiro immensamente l'operato. Una persona che con modestia, devozione e cordialità mi ha fatto conoscere dei titoli a me sconosciuti e mi ha illuminato su pellicole che non avevo compreso.

Ecco a voi le regole, copiate paro-paro a quelle stilate dal precursore Hell.

Cos’è il Boomstick? 
È il bastone di tuono di Ash ne L’Armata delle Tenebre. Una doppietta Remington, canne d’acciaio blu cobalto, grilletto sensibilissimo. Magazzini S-Mart, i migliori d’America.

Perché un Boomstick?
Perché il blog è il nostro Bastone di Tuono!

Come si assegna il Boomstick?
Niente di più facile: dal momento che in giro è un florilegio di premi zuccherosi per finti buoni (o buonisti) & diplomatici, il Boomstick Award viene assegnato non per meriti, ma per pretesti.
O scuse, se preferite.

Nessuna ipocrisia, dunque.

E ricordate, il Boomstick non ha alcun valore, eccetto quello che voi attribuite a esso.

Per conferirlo, è assolutamente necessario seguire queste semplici e inviolabili regole:
1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore
2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione
3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto
4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.


Ecco i sette premiati.

E' una delle ultime scoperte in campo di blog. Lo conosco solo da una manciata di mesi ma sono innamorato del suo stile e di quello che scrive, Recensioni studiate e perfettamente bilanciate, con aneddoti, spiegazioni e tantissime chicche. E con un'ironia immancabile che ti fa comprendere che, anche se ne sa a frotte, non si prende assolutamente sul serio.
Però è uno stronzo.
Scrive benissimo, ma pubblica solo un paio di articoli al mese. E va bene che bisogna farsi desiderare, ma qui si esagera un pochetto...

Ogni volta che c'è questa premiazione, metto sempre ai primi posti il buon Caden, che questi premi un poco li odia. E ogni volta cito quando, cosa incredibile e rarissima, è riuscito a farmi cambiare idea su un film. Non ricordo che film fosse, ma ricordo perfetta mente la sensazione che mi diede leggere quello che aveva scritto.
Lui infatti non fa recensioni, lui fa delle vere e proprie scopate con il cinema. Le scrive di pancia e, alla fine, finisce per inglobarti. E il bello è che lo a senza rendersene conto.

Conosco il buon James Ford dal mio primo blog, il defunto Soliloqui in mare apertoE penso che un tizio come lui non abbia bisogno di molte presentazioni... un coatto allucinante che però è in grado di mettere in quello che scrive tutta la grinta e la modestia necessarie, oltre che delle riflessioni sulla vita quotidiana che riescono a dargli proprio le visioni di cui si nutre.
Poi ha quella fantastica qualità di non dare per scontato che la sua parola sia legge e, anzi, se sei contrario alla sua opinione cerca di capire il tuo punto di vista.

Il Bollalmanacco di cinema
Una volta che conosci la Bolla, ti si apre un mondo. Simpatica, spigliata, modesta e perfettamente competente in quello che dice. Magari preferisce la tamarrata di turno piuttosto che al film d'autore cecoslovacco sottotitolato in sloveno, ma motiva sempre i suoi scritti senza pensare di essere superiore a nessuno e, anzi, dandoti uno strano senso di quieta ricchezza una volta che hai finito di leggere.
Poi a LuccaComics ho avuto modo di conoscerla sul serio (vedi qui) e posso dire che è simpatica e cordiale proprio come sembra :)

Le maratone di un bradipo cinefilo
Non lo faccio per ricambiare il favore, ma proprio perché stimo immensamente il lavoro di quest'uomo. Lui scrive (quasi) ogni giorno e, nonostante tutto, va al lavoro, mantiene una famiglia e si gestisce una vita sociale. E fa sempre delle recensioni ben scritte e mai banali, cosa non semplice già di suo, e che se si tengono in considerazione le cose dette poco fa ha del miracoloso.
Quindi, decisamente, meglio un giorno da bradipo che cent'anni da pecora.

Scrivenny 2.0
Non so cosa sia successo nell'infanzia del piccolo Denny B. Molto probabilmente delle molestie gravi che lo hanno costretto a stare a casa a visionare decine e centinaia di film, ponderandoci sopra delle riflessioni non da poco. Riflessioni che, per quanto riguarda quello che ho avuto modo di leggere, hanno avuto il loro culmine con l'analisi di Closer, un film che a differenza sua non ho compreso del tutto e che è riuscito a rendermi più accessibile.
Un bravo ragazzo, quindi.
Peccato che sia se stesso, sennò sarebbe da sposare.

La collezionista di biglietti
Dire che la buona Giulia sia un'esperta di cinema non è proprio la cosa giusta - anche perché nessuno lo è, a mio parere. Ma lei, cosa importantissima, non crede di esserlo. E' totalmente priva di spocchia. Conosce bene i suoi limiti e non pretende di insegnare nulla a nessuno. Per lei parlare di cinema, quello che piace a lei, magari quello più mainstream e commerciale, è pari al farsi una bella chiacchierata fra amici. Ed è a questo che serve un blog, ad accogliere tutti con allegria e ad esprimere le proprie opinioni in tutta pace.
Perché l'intelligenza non sempre si nasconde nel sapere le cose.


Ok, questi erano i sette premiati che, come dice Hell, finiscono nella Hall of Fame.

Ricordo che:
- il premio può essere assegnato dai vincitori ad altrettanti blogger meritevoli, contribuendo a creare, come tutti gli anni, una delle più gigantesche catene di Sant'Antonio che la storia della rete ricordi.
- premio e banner sono di mia creazione, quindi gradirei essere citato negli articoli.
- il Boomstick è un premio cazzuto. Se l'avete vinto non siete delle mezze cartucce, ma... se non rispettate le quattro semplici regole che lo caratterizzano, allora mezze cartucce diverrete. E vi beccherete d'ufficio, in quanto tali, il celeberrimo Bitch Please Award.

18 commenti:

  1. Ti ringrazio tantissimo Jean! ^^
    Ho il blog da pochissimo tempo e sono davvero orgogliosa del mio piccolo lavoro!
    Questo per me ha un grande valore, tutto sommato significa che qualcosa di buono lo devo aver fatto!
    Era iniziato praticamente solo per una mia curiosità personale e mi sono ritrovata a sentire di persone che mi leggono silenziosamente. Questa è una grande ricompensa e ti ringrazio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' raccogliendo le briciole dei piccoli lavori che si vedono poi i risultati più grandi. Poi finalmente una che non ha la pretestuosità di avere ragione a tutti i costi e che sa esprimere le proprie opinioni con classe. Ci voleva, di questi tempi...

      Elimina
    2. Che dire, grazie di nuovo ^_^

      Elimina
  2. Muchas gracias, per il Boomstick e per le belle parole.
    Un brindisi a te. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a te, tamarro del far west! :)

      Elimina
  3. "Oooh ti ringrazio! Questo è amore questo è davvero amore!" per citare Jim Carrey in The Mask ;)
    Ti stupirai nel sapere che ho avuto un'infanzia normalissima: con la differenza che mangiavo pane e film Disney. Strano tu non abbia detto "Peccato non le piacciano la Knightley, la Portman e tutte le attrici che piacciono a me" ;)
    Grazie mille per il premio e per le parole, Jean.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle attrici non ci spendo più una parola. Ma credo che la finta analisi mascheri una certa avversione alla patonza ;)

      Elimina
  4. Mi vuoi far commuovere. Grazie, per una volta senza ironia e battutine. Sì, non sopporto sti premi ma valgono tanto anche solo per le parole di stima che si leggono. Stima che nei tuoi confronti c'è sempre stata ma in questi ultimi mesi, per parecchi motivi che ti tengo oscuri, è aumentata considerevolmente.

    Dal 2016 cambio titolo al blog, Lo Scopatore del Cinema lo chiamerò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che l'immagine dell'header sia quella di uno spazzino u.u

      Elimina
  5. Era ora che qualcuno mi desse un remington, così posso cominciare lo sterminio dei nerd. Sono lietissimo del premio e delle parola spese, ma mi sopravvaluti. Sono solo un millantatore che si da tante arie. Peccato di non poter assegnare io a mia volta il premio, purtroppo di blog ne seguo 4-5 (il tempo è tiranno).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gotta kill 'am all! Sterminizzali tutti!

      Elimina
  6. Ti diro' la vera verita', mi fa un po' strano non esserci, dati i bei complimenti che hai sempre speso per me, ma e' una bella lista, condivido praticamente l'amore per gli stessi blog, tranne l'ultimo che hai citato che non conoscevo e che andro' presto a spulciare!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sembra strano, ma sette è un numero fin troppo basso quando conosci così tanta gente in gamba, e alle volte tocca fare delle infelici esclusioni T.T
      L'ultimo vallo a vedere. È nata da pochissimo e l'ho voluta divulgare proprio perché per me ha talento e cortesia

      Elimina
  7. uh mi hai fatto arrossire Jean, grazie grazie grazie! lo sai che è tutto reciproco..e mi hai fatto scoprire un paio di blog che andrò a scartabellare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scartabella con ingordigia. Anche se per motivi diversi meritano.

      Elimina
  8. E' un onore essere premiata, un piacere essere circondata da tanti blog nuovi che sto cominciando a conoscere anche io (parlo del Cinefilo che sapeva troppo poco - mai nome fu più sbagliato, Vincenzo ne sa a pacchi! - e della Collezionista) e da "vecchi" pezzi da 90... ma è soprattutto una gioia leggere le belle parole che hai speso per moi!! Alla prossima Lucca!!! :D

    RispondiElimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U