mercoledì 29 aprile 2015

K-HORROR DAY: The host


Quei simpatici perditempo che bazzicano da queste parti credo siano bene a conoscenza di quanto io apprezzi il cinema orientale, in special modo quello coreano. Passione nata ormai nel lontano 2008 quando un supplente ci fece vedere a scuola Oldboy, facendomi così scoprire non solo una cinematografia che prima ignoravo, ma anche quello che è diventato in assoluto il mio film preferito. Che può non sembrare, ma in realtà in Corea i film non si fanno con cineprese di riso, ma con tutti i crismi e le tecniche più sopraffine. C'è chi dice che sono il futuro della cinematografia, altri invece sostengono che sono il presente. Nel dubbio, io dico che sono molto bravi. Bravi soprattutto nel fare thriller, dato che in quel settore ci hanno deliziato con le pellicole più famose e meglio riuscite (a livelli diametralmente opposti, si vedano film come I saw the Devil e The chaser), ma anche tutti gli altri generi. Anche l'horror. E' per questo che la comunità blogger oggi sui vuole riunire per celebrare, in allegra allegria, non una persona, ma un genere. Un genere fatto in una determinata nazionalità. Oggi è infatti la giornata del cinema horror coreano, un Paese strano ma dalla produzione sconfinata e davvero sopraffina, nella maggior parte dei casi.

In un laboratorio coreano, un anatomopatologo americano ordina al suo assistente di gettare nello scarico del lavandino oltre duecento bottiglie di formaldeide, oramai inutilizzabili. Il contenuto viene così svuotato nel fiume Han e, diversi anni dopo, da quella reazione chimica ha modo di nascere un inquietante mostro, che finirà per imperversare nelle strade coreane. Quando però una ragazza viene rapita, la sua sbandata famiglia di casi umani deciderà di immergersi nelle fognature per cercare di metterla in salvo.

Bong Joon-ho è un regista molto particolare, non solo per quello strano insieme che sono la sua faccia e i suoi capelli. Parliamo di uno che ha saputo farsi notare a livello internazionale con un film come Memories of murder, che inizia come un normalissimo biopic (manco molto interessante, fra l'altro) per trasformarsi in un capolavoro assoluto nel finale. Negli ultimi tempi invece ha scisso in due la critica con Snowpiercer, film forse non riuscitissimo ma comunque molto particolare e dalle argomentazioni molto interessanti - e lo ripeto, se lo bocciate, ve lo meritate proprio quel V for vendetta. Nel mezzo c'è stato anche il drammatico Mother e questo atipico monster-movie, ad oggi il film di maggior successo in Corea. Se ne deduce che è una figura da tenere d'occhio non solo per la qualità dei suoi film, ma anche per la sua capacità di saltare da un genere all'altro senza impedimenti o remore di alcun tipo, cosa che io personalmente attribuisco solo ai grandissimi. E grandissimo qui Joon-ho dimostra di esserlo per davvero, dato che riesce a rendere memorabile una pellicola che forse, in altre mani, sarebbe potuta diventare una buddhanata colossale come non se ne vedevano da anni. Lui invece riesce a dare nuova linfa a un genere, a rendere interessante qualcosa che magari era nato per essere pernacchiato a oltranza. Un po' come erano riusciti a fare con Cloverfield, ad ora uno dei pochi mockumentary degni d'interesse. Come si riesce ad ottenere una cosa simile? Fondamentalmente, adottando la regola narrativa più vecchia di sempre ma, ahimé, la più ignorata: il genere d'appartenenza deve solo essere un contorno per quello che si vuole raccontare. Come nel film di Matt Reeves, al regista del mostro non gliene può fregare una ciola, quel che conta è mostrare le dinamiche dei personaggi che si muovono al suo interno. Il monster-movie qui in analisi, più movie che monster, punta i riflettori su una famiglia disfunzionale di disadattati (tutti, anche quelli che nel loro settore sembrano avercela fatta, sono dilaniati da un cruccio interiore non da poco) e che si troveranno uniti in quell'impresa comune. Io non sono un cultore dei valori della famiglia, non attribuisco dei parametri così assoluti alle 'unioni di sangue', per me una famiglia è formata dalle persone che ci hanno amato, a prescindere dalla loro paternità, eppure a vedere quel gruppo umano che si muoveva nel buio non ho potuto fare a meno di commuovermi in un paio di passaggi. E sta tutti lì, in quello che poteva essere anche un film di serie-b e che però riesce anche a immettere, oltre al concetto stesso della famiglia, delle opportune riflessioni sull'inquinamento ambientale e sullo strapotere americano. Eppure c'è un ma, anzi, dei ma, grandi come una casa, e che impediscono alla pellicola di diventare il capolavoro di spazia-genere che avrebbe potuto vantare di essere. Certo, tutto questo non inficia l'eccellente realizzazione, che si apre con una delle sequenze più memorabili che io abbia mia visto (capito, brutto Godzilla che non sei altro?), però quell'accumularsi di tematiche alla fine lascia poco spazio perché quella principale possa svilupparsi pienamente, aggiungendoci anche delle scene abbastanza ridicole - e non che lo siano involontariamente, ma alcune, tipo quelle del pianto comune, superano un certo limite di sopportazione. Però, fra alti e bassi, si arriva alla fine, e Joon-ho ci spiazza con un finale totalmente inaspettato e di gran classe, quasi in grado di farti dimenticare tutte quelle cose che prima ti avevano fatto storcere il naso. Quasi. Questo Gwoemul (a ripensarci, sarebbe meglio chiamarlo col titolo originale, dato che quello internazionale è omonimo a quello del film di Niccol tratto dal libo della Mayer) non può certo dirsi un film riuscitissimo, ma nemmeno un film trascurabile, e non solo per gli innegabili meriti tecnici. Se ne sta a metà strada, lascia un vago olezzo di occasione mancata, ma imprime nella mente delle sequenze che la controparte americana può solo sognarsi la notte, anche con un budget quasi dieci volte superiore. Sono queste le pellicola che ci sanno regalare quei registi che sanno osare. Magari non riuscendo totalmente nel tentativo, ma se mai si fa nulla dovremo sempre abituarci a prodotti preconfezionati e senza personalità. E questo film è sicuramente l'esempio più lontano. Già questa è una grande vittoria.

Forse non la pellicola migliore con cui partecipare a questa giornata, ma sicuramente una delle più particolari che potete vedere su questo tema.


Voto: 

Partecipano con me alla festa anche gli amici:

30 commenti:

  1. Non l'ho mai nemmeno sentito, ma vista la tua recensione ci penso se dargli un'occhiata o meno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerato da quale regista è stato realizzato, va visto a prescindere u.u anche solo per rigore di completezza

      Elimina
  2. Non vado matta per i film di mostroni ma immagino che l'approccio coreano al tema debba essere come minimo bizzarro, quindi... segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il mostrone è un pretesto per parlare d'altro. Sta proprio lì il bello.

      Elimina
  3. Capolavoro, anzi lo dico bene C-A-P-O-L-A-V-O-R-O-N-E! Bong Joon-ho parte dal Kaiju movie, passa al dramma familiare, ci mette dentro la critica sociale al suo paese, un arciera (il VERO sport nazionale Coreano) e piazza QUEL colpo di scena che cambia tutta il panorama, è un film fantastico, per celebrare i film Coreani mi sembra un titolo doveroso ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, anche se mi è piaciuto non riesco ad essere entusiasta come molti. Soprattutto perché forse attribuisco troppo peso ai difetti.

      Elimina
  4. Mostroni??Boh...però hai fatto una recensione assai interessante, quindi, tanto per cambiare, segno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai fidarsi delle apparenze. Soprattutto coi coreani XD

      Elimina
  5. ah questo è bellissimo, io avrei messo 4 stelle hehehe ^^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noto che, a riprova della mia incompetenza, sono uno di quelli che gli ha dato il voto più basso XD

      Elimina
  6. Per me un film bellissimo, riesce a mescolare generi ed approcci come pochissimi altri.
    Voto troppo basso, nonostante la recensione interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ho dato troppa importanza ai difetti. Ci sono due cose di troppo che non mi sono andate giù, ma anche delle scene di straordinaria potenza. Nonostante non mi abbia convinto fino in fondo, questo è vero cinema.

      Elimina
  7. Anche a me piacque molto, anche perché mi lasciò con quella strana e piacevole sensazione di non aver capito tutto. Bello il parallelo con Cloverfield. La frase "il genere d'appartenenza deve solo essere un contorno per quello che si vuole raccontare" me la farei tatuare addosso. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. una cosa così semplice che però non tutti capiscono...

      Elimina
  8. Praticamente un film di mostri senza mostro. MOLTO meglio di Cloverfield!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende... nell'andare nella stessa direzione e, al contempo, al contrario, rimangono due cose molto diverse per intenti e sensibilità. Poi va a gusti, questo è ovvio ;)

      Elimina
  9. Non l'ho mai amato particolarmente, purtroppo, nonostante anch'io di solito vado pazzo per il cinema orientale. E visto che nemmeno le altre cose di Bong mi hanno fatto impazzire (e sì, nemmeno "Snowpiercer"), temo proprio che sia un regista che non rientra nelle mie corde. Ci ho provato, guarda, li ho visti quasi tutti (pure "Barking dogs" e "Mother"...): il suo lavoro migliore mi è parso "Memories of murder".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz... allora qui c'è davvero poco da fare! D'altronde ci sta. Il cinema è bello anche perché offre dei pareri così contrastanti :) inoltre, non esiste nessun regista intoccabile.

      Elimina
  10. Io credo di considerarlo molto più grande di quello che lo consideri te.
    Anzi, senza dubbio credo che sia il miglior monster movie degli anni 2000.
    Ma la rece è ottima e concordo anche sui due estremi, ossia la scena migliore (che non espliciti ma credo sia l'incredibile apparizione del mostro) e la peggiore, il pianto comune francamente imbarazzante...

    Viva Bong!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai colto proprio le scene che intendevo (anzi, la prima è collegata a un link youtube che la mostra - come suona strano questo verbo, in un film su un mostro - per intero). Comunque credo che lo recepiamo diversamente anche per una diversa sensibilità, va detto, perché a conti fatti rimane comunque un film valido. E lo sottolineo in più punti.
      E sì, viva Bong!

      Elimina
  11. Cloverfield non era malaccio. Non sono fan dei mostri, ma visto che il mostro non si vede,potrei anche dargli una occhiata. Buon K-horror day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occhio, non ho detto che non si vede - basta andare alla scena che ho linkato - ma che è un pretesto per parlare d'altro.

      Elimina
  12. Dopo aver visto e apprezzato "Memories of Murders" mi sono avvicinato con una certa titubanza a "The Host". Come avrebbe potuto, mi dicevo, trasmettermi qualcosa l'ennesimo clone di Godzilla? Alla fine mi sono ovviamente ricreduto e, anzi, e non fosse per il loro innegabile valore storico, penso che nessun Godzilla o Gamera possa uscire nettamente vincitore da un confronto. Bello anche perché non si prende troppo sul serio e regala un bel paio d'ore avvincenti come non siamo più abituati ad aspettarci.
    Grazie per aver partecipato al KHD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati! Grazie a te per l'idea è per avermi permesso di parlare di un simile film :)

      Elimina
  13. Lo vidi al corso di cinema orientale all'università, e pur avendo odiato quel corso, pur non amando il genere mostri, fu una delle visioni più piacevoli. Certo, il nostro doppiaggio appiattisce tutto, dando quella nota fumettistica ai personaggi che si poteva evitare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello non saprei dirti perché l ho visto in lingua originale. Però noto con piacere che sta piacendo a molti.

      Elimina
  14. "Visto" tempo fa con amici e non mi è parso male. Dovrei rivederlo visto che abbiamo passato tutto il tempo a parlare di calcio e del film non ci ho poi capito una mazza.
    Povero Godzilla, che ha fatto di male?

    RispondiElimina
  15. Mi sa tanto che il tempo di recuperare tutti sti coreani lo dovrò sottrarre al sonno, ma ce ne fosse uno che non mi interessa! Uno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando inizierai a vederli, la tua vita sociale giungerà al termine. È stato bello conoscerti...

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U