domenica 3 maggio 2015

Star Wars: episodio I - la minaccia fantasma


Ormai possiamo dire di essere, per certi versi, una società che ha perso il senso del culto. Certo, abbiamo ancora il Vaticano e gli agganci religiosi fanno sempre comodo, eppure per una gran parte degli esponenti della mia generazione l'approccio alla religione è andato perdendosi. Non voglio dilungarmi a dire se questo sia un bene o un male, lascio a ognuno la libertà delle proprie opinioni, ma per sicurezza puntualizzo che non è questa la sede per intraprendere questa argomentazione. Serve a dire che, in quanto 'de-religiosizzati', siamo andati un po' a perdere il senso di miti e leggende. O così potrebbe sembrare. Perché la cultura popolare ha i suoi miti, ha le sue leggende e, ironia della sorte, i suoi oggetti di culto. Quindi la religione sta venendo a mancare, ma è presente in un altro tipo di forma. E possiamo dire senza dubbio che Star Wars, o Guerre stellari che dir si voglia, faccia proprio parte di una religione a sé stante. Basti solo pensare a come la prima trilogia ideata da George Lucas abbia scritto la storia, definendo, nel bene e nel male, certi modi di intendere la fantascienza moderna, o di come ha saputo incantare milioni di spettatori con i suoi intrighi, i suoi combattimenti e i suoi personaggi. Credo che sia una dei film che ha saputo reggere al meglio il peso degli anni, perché è una di quelle pellicole che se le fate vedere a un bambino, questi non oserà lamentarsi che è vecchia. Perché la magia, quando è vera, è indistruttibile. O no?

Il Senato della Repubblica ha imposto una rigida tassazione su certe rotte di alcuni pianeti periferici, così la Federazione dei Mercanti impone uno speciale blocco intorno al pianeta Naboo. Due cavalieri Jedi, Qui Gon-Jin e il suo padawan Obi-Wan Kenobi, vengono inviati per risolvere l'impaccio, ma la cosa si rivela una trappola. Peregrinando per salvare la pellaccia, i due si imbatteranno nel piccolo Anakin Skywalker, e...

Il mio approccio con la saga di Star Wars è sempre stato abbastanza discontinuo, anche se relegato al periodo dell'infanzia e poi dell'adolescenza. La scoprii da bambino, quando mia mamma mi regalò le VHS per Natale, e da lì fu amore. Ma un amore che può dargli un bambino, quindi vagamente naif e totalmente avulso dal comprenderne quella che era la vera bellezza di quella saga - per quello avrei dovuto riscoprirla durante gli anni delle superiori. Ma mi piaceva, tanto da assillare mio padre per portarmi a vedere questo film un sabato pomeriggio, che sapevo benissimo mi sarebbe piaciuto. E infatti all'epoca mi piacque, ma è stata una di quelle visioni che crescendo impari a rivalutare, anche se per rigore di completezza posseggo pure il dvd (doppio disco) di questo film e l'avrò rivisto almeno dieci volte, cosa che ci ricollega a una tristissima battuta dell'uomo fumetto dei Simpson. Perché è innegabile che, anche con lo spirito da fanboy più accanito, che questo film sia una vera e propria minchiata. Viene proprio da chiedersi come mai George Lucas, l'uomo che è entrato nella storia del cinema con la Trilogia per eccellenza, abbia deciso di ritornare dietro la macchina da presa ventidue anni dopo e di farlo in una maniera così... così... ecco, non ci sono parole per dire il modo in cui è stato fatto. Ricordo solo che questo all'epoca era il film più atteso dell'anno e che persino al tiggì avevano parlato delle orde di fan delusi dal risultato. E non c'è proprio da biasimarli, per una volta tanto. Infatti la storia non emoziona, non risulta minimamente interessante e si concentra su degli aspetti che proprio non riescono a tenere acceso il livello d'attenzione. Possiamo ben capire, questo è un film fatto per racimolare ancora più soldi fregando i fan nuovi e vecchi che racconta le origini del villain per eccellenza, finalmente riportato con il nome originale, ma il tutto si riduce a mostrare un ragazzino odioso e saputello intento a fare gare in macchina e a lasciare la madre che lo ha fatto nascere con delle affinità cristologiche - e con tanto di discorsi sui midi-chlorian che poi non verranno quasi più citati nel resto della saga. C'è chi giustifica l'andazzo spiegando che, proprio per via dell'età di Anakin, è stato necessario un approccio più bambinesco (cosa che a un certo punto troverei anche legittima) ma un conto è fare un film per bambini, un altro fare un film stupido. The phantom menace, purtroppo, è un film davvero idiota, sia nella storia che involve di minuto in minuto, sia nell'aspetto visivo, con quella CG che al giorno d'oggi appare invecchiatissima e dei mostri-pupazzo fuori tempo massimo. Farebbe storcere il naso anche a Voldemort un cattivo come Dart Maul, pubblicizzato come il non plus ultra della cattiveria, e che invece viene appena abbozzato e colpisce solo per il trucco, poiché è privo di un qualsiasi approfondimento psicologico e introspettivo, alimentando quindi la lunga schiera di cattivi 'tanto per', anche se nulla potrà battere la ridicolaggine involontaria di un personaggio come Jar Jar Binks e il suo stramaledettissimo modo di parlare, cose che la sua presenza nei film a seguire è stata dovuto essere ridimensionata drasticamente proprio per il malcontento che aveva creato. Un film davvero inutile che, col passare del tempo, perde persino la valenza degli effetti speciali. Viene ricordato unicamente per la bellissima colonna sonora di John Williams, che si supera regalandoci una track magnifica come Duel of the fates. Anzi, si può affermare con sicurezza che i minuti iniziali, quelli che vedono le famosissime scritte gialle che si diramano verso l'alto sotto il motivetto che ormai tutto il mondo conosce, siano l'unico momento del film che riesce a trasmettere qualcosa. E tutto per gloria acquisita, anche se sopravvivere dopo due ore di questa roba è abbastanza difficile. Anche (e forse, soprattutto) per uno che Star Wars ha imparato ad amarlo. 

Un passo falso simile credo sia riuscito a farlo solo Peter Jackson con La battaglia delle Cinque Armate. Ma decidere quale fra i due è peggio, quello sì che è una vera guerra stellare.


Voto: ★ ½

22 commenti:

  1. Io voto peggio le 5 armate! ;-) jar jar bings mi faceva molto ridere! Questo non lo ricordo benissimo, ma mi pare di essere stata molto più delusa da quello dopo che diventava un'insipida storia d'amore (meglio per loro che han scelto natalie portman) e l'ultimo che è l'unico che vidi al cinema e non mi piacque affatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, a conti fatti l'episodio due non è tanto meglio, ma l'ho sempre trovato nettamente più sopportabile, pur rimanendo un filmetto del menga.

      Elimina
    2. Sam Gangee che ti piaceva Jar Jar Bings dice tutto XD
      Cmq questo film fa veramente cagare,senza se e senza ma,troppo green screen ed una storia noiosa di cui non frega un cazzo a nessuno.
      Neppure a noi fan cariatidi è riuscito a piacere XD
      Stiamo ripassando tutti i 6 film precedenti l'ultimo,abbiamo appena finito i prequel e si passa dall'immondezza di questo primo,alla noia della storiella d'amore del secondo,con le ambientazioni italo-spagnole e Hayden che recita alla Gabriel Garko,al terzo che è secondo me molto bello,fra l'altro rivisto ieri e la scena del tempio Jedi,quando Darth Vader va ad uccidere i bambini,mi fa sempre venire i brividi.

      Elimina
    3. ah se dice dutto... non dico altro ;)

      Elimina
    4. @Lazyfish in effetti con Episodio III Lucas è un attimo rinsavito, pur mettendoci le sue solite meenkiate che non può esimersi dall'inserire in ogni dove.
      @Sam ammetto che da piccolo faceva ridere anche me. Ognuno ha i propri scheletri nella credenza...

      Elimina
  2. Tante cose da dire, per prima, ottima recensione ;-) Seconda, concordo su Duel of the fates, pezzo magnifico ;-) Per il resto, Episodio I è un casino inutilmente complesso, non sai se parla di rotte commerciali, territori da dividere, sai solo che ad un certo punto spunta quell'idiota di Jar Jar, e che la Forza è ridotta a dei bacilli che si aggirano nel tuo sangue. Se non fosse per il più bel duello di spade laser di sempre, e di Darth Maul morto troppo presto, sarebbe tutto da buttare. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il duello è figo, ma i miei preferiti sono quelli dell'episodio tre - senza contare quello Yoda vs Dookoo

      Elimina
  3. L'ho rivisto proprio ieri in occasione dello Star Wars Day, pensa xD
    Ovviamente da piccoli si guardava tutto con occhio diverso, però è una saga che rimane nel cuore, e che probabilmente non ha bisogno di una critica ferrea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me invece il contrario, proprio perché rimane nel cuore va valutata con occhio critico. Si rischia di rovinare qualcosa che ha fatto la storia.

      Elimina
  4. L'unico Star Wars che ho visto per ora. Non potevo iniziare peggio, mi ha proprio buttato la voglia di vedere gli altri sotto i piedi. Come cavolo si fa a far durare una gara COSÌ TANTO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per risponderti ti citeró il titolo di una canzone dei Pink Floyd: Money.

      Elimina
  5. Senza dubbio il peggior film della saga, e l'unico davvero quasi inutile.
    Peccato, perchè il secondo migliora ed il terzo è davvero ottimo, a mio parere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo è un filmetto, ma almeno è godibile. Il terzo invece lo adoro!

      Elimina
  6. Auguri! Però potevi farti un regalo migliore invece che vederti questa 'cosa'! :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo u.u e grazie mille :D

      Elimina
  7. Piacque anche a me da piccino e gli voglio bene ancora oggi, ma è proprio un film di merda. Seriamente, non si salva nulla. Attori sottotono, regia inesistente, fotografia da videogame, trama ridicola e sceneggiatura aberrante. "La battaglia delle Cinque Armate" è schifoso ma non a questi livelli, almeno Jackson, anche se ai minimi termini, ha una vaga idea di cosa sia la regia.
    Poi c'è quella merda di Jar Jar Binks, io non capisco una parola di quello che dice, sia in lingua originale che doppiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parafrasando i Monthy Pyton: questo schifo è indegno di Geova!

      Elimina
    2. Jar Jar fa UN PO' meno cagare in originale.Resta un personaggio idiota a livelli cosmici.E Darth Maul sprecatissimo,poteva essere un cattivo coi controcazzi ed invece l'hanno sfruttato malissimo!Fra l'altro l'attore,che veniva dalle arti marziali,anche in lingua originale era doppiato da un altro,nelle sue pochissime battute.E' lo stesso che ha fatto Toad in X-men,lì però parlava anche XD

      Elimina
    3. Non sapevo fosse Toad e nemmeno che lo doppiassero O.o qualcuno però mi ha detto che una certa scena nel duello finale, così come alcune regie dei combattimenti, sono farina del suo sacco...

      Elimina
    4. Sì è lui,in questo film ha un totale di 3 battute(doppiate),i combattimenti credo li abbia fatti tutti lui,visto che lo hanno preso proprio per le sue abilità fisiche anzichè espressive ;) e sapevo anch'io che ne ha curato la maggior parte delle coreografie!Ha cominciato ad improvvisare e Lucas,impressionato,gliele ha lasciate fare :) Ho letto anche che aveva problemi a sbattere le palpebre,per via delle lenti a contatto usate,che coprivano tutto l'occhio.L'unico momento del film in cui si vede Darth Maul sbattere gli occhi,è quando Obi Wan lo uccide.Cmq la sua spada laser secondo me è la più figa di sempre!

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U