venerdì 10 luglio 2015

I ponti di Madison Country


Ho sempre avuto un rapporto molto particolare con Clint Eastwood, ma più che con il suo cinema (che come si sarà capito, adoro) col personaggio che è riuscito a crearsi. Non quello politico, col quale ho davvero poche cose da spartire, per quanto rimanga convinto che lui sia democratico solo che ancora non sa di esserlo, quanto con quello del 'vero uomo', dell'individuo tutto d'un pezzo che con una smorfia e un cazzotto sa far valere le proprie ragioni; ma anche il vero uomo che riesce a concedersi i dovuti momenti di riflessione, senza esagerare e rimanendo sempre e comunque coi piedi per terra. E diciamolo, da adolescente avrei voluto essere come lui, come i suoi film lo rappresentavano, per far colpo sulle ragazze - che stando ai miei distorti ragionamenti sicuramente cadrebbero ai piedi di uno così. Il suo poster troneggia ancora allegramente in camera mia e, guardandolo ogni mattina mentre mi sveglio, mi rendo sempre più conto che anziché la sua virilità la vita mi abbia riservato le fisime di Woody Allen. Ed essendo un estimatore del suo cinema ho sempre sentito parlare in maniera abbastanza ambigua di questa pellicola, un film sentimentale diretto da quello che è l'uomo più uomo che esista, ma dalla quale mi sono sempre tenuto lontano per uno strano timore. Pochi giorni fa ho deciso che era giunto il momento di colmare questa mia lacuna.

I fratelli Caroline e Michale Johnson, nel ricevere la loro parte di eredità, apprendono attraverso i diari della madre Francesca di come lei, quando loro erano ancora adolescenti, ebbe un'appassionante storia d'amore con un fotografo, capitato nella loro cittadina quasi per caso...

Penso che di un sentimento come l'amore potremmo continuare a scriverne, parlarne e dibatterne in eterno. Questo perché non c'è un vero e proprio modo d'amare, giacché l'amore stesso risiede nelle intenzioni e negli istinti (inutile girarci intorno, l'amore gira anche intorno alle pulsioni più animali) dei vari individui. Nella mia breve vita di venticinquenne ho avuto modo di conoscere molte coppie, sia mie coetanee che adulte, e tutte loro si amavano in una maniera diversa. C'erano quelli che avevano una relazione aperta, quelli che si lasciavano e si riprendevano ogni settimana, quelli che si erano lasciati ma che dopo molto tempo ritrovavano la scintilla e anche coloro che sapevano di amarsi ma non si fidavano a mettere in gioco quel loro sentimento. Certo, c'erano anche gli amori adolescenziali, quelli che duravano pochi mesi e che forse non andrebbero nemmeno considerati, ma credo che lì stia l'errore principale: non è che un ragazzino non sa amare, ma lo fa con le sue capacità, che in quanto giovane non ha avuto modo di esplorare fino in fondo. Ma anche fra alcuni dei miei compagni di scuola ho potuto assistere (avete indovinato che alle superiori non cuccavo molto, vero?) a storie d'amore bellissime, a loro modo. Tutti amano e non credo si possa porre giudizio sul modo in cui lo fanno, sempre che la cosa la si possa fare su un qualcosa di specifico. Ma soprattutto, come ho già scritto, l'amore soprassiede il tempo e diventa catalizzatore di un certo modo di vivere, dettato dall'età e dalle esperienze fatte durante il proprio vissuto. La difficoltà più grande che ho avuto nel valutare questo film infatti è stata quella di assistere a un amore fra persone 'mature', perché senza mancare di rispetto a nessuno, i protagonisti non sono proprio nel fiore degli anni, quindi c'era sempre nell'aria quell'alone di "mi sembra tutto una minchiata ma forse lo capirò da grande". Sempre che ci sia un'età in cui si può dire di essere diventati grandi. In tutta la mia arroganza giovanile quindi mi permetto così di dire che il film è sicuramente bello, ma non perfetto. E questo a prescindere che sia stato diretto dal mio idolo di sempre. La storia fila avanti senza particolari imperfezioni o sbavature e, per quanto Clint sfoggi tutto il suo immenso narcisismo in più di una scena, gli attori sono perfettamente in parte - era un'epoca in cui la Streep non si era ancora resa odiosa. Non posso negare però che ci siano delle scene che proprio mi sono sembrate abbastanza forzate, tra le molte chiacchierate serali fatte fra i due, perlopiù accompagnate da una colonna sono abbastanza stucchevole e invadente, senza contare che i due tempi narrativi non si scandiscono sempre in maniera particolarmente riuscita, insieme a diversi momenti che forse avrebbero dovuto essere sforbiciati per una maggiore fluidità. Però rimane un film che racchiude dentro di sé tante cose. Tanti tipi di amore diverso e tanti modi in cui l'amore viene recepito e, non ultimo, compreso. Perché penso sia soprattutto di comprensione che questo film vuole parlare. Della comprensione dei figli di Francesca del perché la madre ha agito in quella maniera e, soprattutto, del comprendere quello che si vuole realmente da se stessi. Che non sempre è la cosa giusta per gli alti, o quella da fare, ma rimane una scelta e come tale va presa. Tutto questo Clint lo mette in scena, insieme a qualche scivolata di troppo, col suo solito rigore, senza giudicare e senza voler porre un giudizio particolare su nessuno dei suoi personaggi. Personaggi che amano, in fondo, tutti quanti. E come diceva Sant'Agostino: ama, e poi fai quello che vuoi.

Non il migliore di zio Clint, ma mi ha fatto capire diverse cose. Anche che si può piangere senza perdere la virilità. Ma non mi capacita di come mai LaGravenese ha iniziato a sceneggiare film importanti come questo per poi infognarsi in Beautiful creatures...


Voto: 

19 commenti:

  1. Ti capisco, pensa che per anni ho scherzosamente chiamato questo film "Quello in cui Clint non spara a nessuno" ;-) Eppure hai ragione, e un film lontano dai suoi capolavori, ma che ti piazza quelle due tre scene mitiche, quando lui la aspetta in auto... groppo, nemmeno piccolo, in gola ;-) Funziona proprio perchè Clint è Clint. Ottimo commento siamo allineati, anche su "democratico solo che ancora non sa di esserlo" che per altro è un vero colpo di genio ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se solo non ti definissi uno stramaledetto nerd, ti chiederei di diventare il mio fratello maggiore ♡

      Elimina
  2. ...mai visto questo film...
    ma devo vederlo!
    una sola cosa, sei un illuso se pensi sia passabilmente democratico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il parere di una donna (dato che le mani dietro alla regia e alla sceneggiatura, così come alla penna del romanzo da cui è tratto, sono maschili) sia obbligato.
      Ahimè, ho ben visto lo spot pro Mitt Romney, ma a vedere i suoi film non mi capacito della cosa...

      Elimina
  3. Per me, invece, un grandissimo film, che dimostra la duttilità e la classe del Grande Vecchio del Cinema USA.
    Lo rivedo sempre con piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dovrò rivederlo pure io, sperando che l'età aiuti.

      Elimina
  4. Io adoro Clint Eastwood, e questo film nel mio cuore è un capolavoro ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti è proprio il tuo genere ^^'

      Elimina
  5. é uno di quei film che devo recuperare, ma tutte le volte che lo fanno in tv lo perdo... non sono tanto da clint, ma maryl streep è grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lei è indubbiamente brava e nel tempo lo ha più che dimostrato... però basta, è ovunque e deve mettere voce su tutto XD

      Elimina
    2. Vero che fa molte apparizioni, ma proprio ovunque non è dai, ci sono molte altre attrici ;-)

      Elimina
  6. Concordo con Ford. E a me Eastwood come attore non piace troppo - qui la Streep, che in lingua originale parla con perfetto accento italiana, lo eclissa spesso - ma questa sua sensibilità mai vista mi ha colpito parecchio. La scena in cui lei è ferma al semaforo e si chiede "Scendo o non scendo?" è tremenda (ma in senso buono). E sono del parere che, senza questo, Ang Lee non avrebbe girato Brokeback Mountain. L'ho visto di recente, poco prima di Natale: avevo letto per caso il romanzo che vi è alla base - bella storia scritta coi piedi, pagata un euro su una bancarella, e tanto valeva - e sì, una delle rare volte in cui il film è meglio del libro. Ma con questo regista, e con questo cast, il gioco non era difficile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro non lo ho mai letto ma non sei il primo a parlarne così. Il film invece dovrei rivederlo perché ne ho un ricordo vaghissimo, rammento solo che all'epoca (avrò avuto sedici o diciassette anni) non mi aveva detto molto...

      Elimina
  7. Mai visto, uno dei pochi Clint che mancano al mio appello. Ho sempre avuto una sorta di timore nei confronti di questo film... prima o poi lo affronterò, anche solo per una questione di completezza. Concordo con te, ogni volta che Clint si definisce repubblicano scoppio a ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche te col timore? In effetti sapere che il real man per eccellenza quo piange per le penne d'amor perduto gli da una strana aura...

      Elimina
    2. Infatti. Ho sempre immaginato che Clint reagisse alle delusioni amorose bevendo un birra ghiacciata e guardando un muro con espressione imbronciata.

      Elimina
    3. Il muro si incrinerebbe sotto il peso del suo sguardo u.u

      Elimina
  8. Recitato benissimo, inotre ha quella sequenza finale SPOILER quando cospargono le ceneri che ho sempre trovato DA PAURA.
    Bel recupero dai. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci voleva. Specialmente col periodo che ho passato ultimamente...
      E sì, quella scena finale è davvero molto, molto bella.

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U