martedì 4 agosto 2015

NOTTE HORROR: Brood - la covata malefica


Ritornano le 'giornatine a tema' di noi blogger e, ironia della sorta, ritornano con un graditissimo ritorno: quello di Notte Horror. Per chi non fosse abbastanza grande o per coloro a cui la vecchiaia ha malignamene mangiato i neuroni mnemonici, Notte Horror era il contenitore notturno che durante le notti d'estate proponeva vecchie e nuove 'glorie' della cinematografia horror. Quelli sono stati fra i primi film horror che ho visto da piccolo, stando sveglio la notte a dispetto di quello che mi dicevano i genitori, quindi questo è un evential day a cui sono particolarmente affezionato - anche se l'anno scorso avevo partecipato recensendo quella pataccata allucinante che era stata La casa di Cristina. Oggi, insieme all'amica Lisa Costa di In central perk che porta un cultone come Hellraiser, ho deciso di aderire nuovamente a quest'iniziativa presentando una delle pellicole seminali di uno dei miei registi preferiti, il canadese David Cronenberg, che nonostante abbia di recente scritto un libro che mi ha fatto davvero bestemmiare in aramaico dalla bruttezza (anche se mi resta il dubbio di non averlo capito) rimane una delle figure di spicco della mia scala della stima, perché si tratta di un individuo che non si è mai trovato il proprio cantuccio comodo e che ha sempre cercato di sperimentare. E pure in questo caso, pur rimanendo nel girone horror che lo aveva reso famoso, adotta il genere in maniera del tutto personalissima.

Il dottor Raglan è uno psichiatra divenuto famoso per la pratica della psicoplasmia, durante la quale sottopone i propri paziente alla completa esternazione delle proprie turbe aggressive proprio per poterle così rimuovere. Eppure nella vita di Nola, una delle sue pazienti, cominciano ad avvenire strane cose, perché...

Diciamo horror e pensiamo a ragazzini urlanti che infestano i multisala estivi - la distribuzione della maggior parte delle pellicole dell'orrore avviene in quella stagione. Diciamo horror e pensiamo magari a film per psicopatici, per gente frustrata che deve alienare la propria aggressività mediante la visione di frattaglie scarlatte sul grande schermo. Lo so, tutti stereotipi, ma la gente ragione per stereotipi - altro stereotipo. Ma è vero che non tutti intendono il genere nella medesima maniera, perché i vari generi narrativi vanno studiati e analizzati nel loro contesto e nel periodo in cui sono stati svolti. Perché l'horror, quando è fatto bene, nasce proprio per questo, per descrivere mediante una storia del terrore quelli che sono le paure di un'epoca. Questo Cronenberg, che è una personcina molto intelligente, lo sapeva bene, e difatti quattro anni dopo questa perla - ancor'oggi considerata come il suo film della maturità - dirigerà quel capolavoro assoluto che è Videodrome, appurando questo discorso. Discorso che comunque si intravede anche in questo Brood, forse il film più sfacciatamente horror del Davidino internazionale, ma che riassume in un'ora e mezza tutte le sue tematiche cardine. Ma è un film fatto in un periodo strano. Gli anni Settanta stavano finire e si stava per entrare nei problematici Ottanta, e si sa bene come gli anni di transizione fra un decennio e l'altro siano sempre parecchio strani, così come sappiamo quale casino mondiale portarono gli Eighties. Erano gli anni dell'HIV, della violenza che veniva riversata nelle strade e delle band peggio vestite della storia, ma erano anche gli anni dove i vari tic della società, sempre presenti, si preparavano a esplodere completamente. Questo il regista e sceneggiatore lo aveva ben intuito, quindi magari è proprio per questo che decide di imbastire tutta la storia attorno a quello che è uno studio psichiatrico, senza rinunciare alle entrate a effetto, tipiche dell'horror di quel periodo, ma completamente legate al tema. Un tema che magari ci mette un poco a palesarsi nella sua vera natura e che durante la visione lascia qualche punto di domanda allo spettatore più attento, ma il finale è quello che vale tutto. E sappiamo bene quanto i finali siano importanti in una storia, perché è lì che tutte le strade si incrociano e devono farlo attraverso un sistema preciso e rigoroso, che permetta di fare un discorso compiuto e preciso. Ebbene, qua la cosa avviene, anche se alla sua maniera: quella più vomitosa che esista. Perché raramente mi è capitato di assistere a una scena come quella finale, dove il mistero viene risolto in maniera forse leggermente pacchianotta, ma pregna di una tale simbologia e malattia da essere quasi insostenibile, specie dopo tutto quello che abbiamo visto succedersi sullo schermo nei minuti prima. Eppure sta tutto lì il senso del film, in quello schifo e in quei rossastri colori algidi, che permeano tutto il film come un mantello, come a sottolineare una sorta di incomunicabilità fra i protagonisti, magari la stessa che ha portato al compimento di quel disgustoso orrore. Potremmo quindi dire che The Brood è un film sulla psichiatria ma, come spesso succede nei film di Cronenberg, l'aspetto più evidente è solo un pretesto per parlare di un qualcosa di più grande. The Brood è infatti un film sulla mente umana, quindi anche sulla psichiatria, su una mente provata e sulla rappresentazione delle sue paure. Tutti noi abbiamo una parte malvagia dentro di noi, quella chiaramente espressa dai nanetti malefici, ma dobbiamo imparare a conviverci e a domarla. Non tutti ne sono capaci e, a lungo andare, l'istinto prevale sulla dura razionalità scientifica, perché sono proprio coloro che posseggono le maggiori regole e certezze i primi a spezzarsi. Cronenberg con questo film non vuole darci nessuna certezza e, stranamente, manco farci porre delle domande, cosa nella quale riesce comunque; il regista canadese ci spiattella davanti solo la verità nuda e cruda, in quel suo modo sanguigno e perverso, ritraendo una dinamica familiare che nella sua follia diventa però assurdamente realistico. E nessuno ne ha scampo. L'uomo è fatto di carne e, alla fine, anche di carne si nutre.

Film della maturità, ma la maturità artistica era ancora un poco lontanuccia. Ma rimane la testimonianza della mancanza di remore di questo grande regista di provare ogni cosa possibile.


Voto: ★ ½

23 commenti:

  1. David Cronenberg è il mio secondo Canadese preferito, ed io gli voglio tanto bene ;-) I Suoi film sono imperdibili, idem per i suoi body horror degli esordi, non è ancora mainstream come Scanner e La Mosca (filmoni!) ma è il più maturo, concordo con te, i colori colpiscono, ad esempio quello dei cappucci dei bambini, come dici giustamente tu la psichiatria è centrale, la carne muta seguendo le flessioni della mente… gran film, ottimo commento ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora sono curioso di sapere chi è il primo, però ;) non sapevo che "Scanners" fosse mainstream, però, o almeno che lo fosse ai livelli di "The fly".

      Elimina
    2. Il primo è Zio Neil Young ;-) Secondo me "Scanners" è già più per tutti rispetto a Brood, Rabid e il demone sotto la pelle, lo considero abbastanza famoso, ha avuto anche sei sequel, anche se "The Fly" probabilmente è ancora un gradino sopra nella scalata verso il grande pubblico. Cheers!

      Elimina
    3. Zio Neil è tanta roba ;)
      Se intendi che è più 'recepibile' dal pubblico allora sì, concordo.

      Elimina
  2. Brood non l'ho visto, di Cronenberg mi è bastato vedere La mosca. Credo che prima che mi deciderò a vedere un altro suo body-horror passerà ancora un bel po' di tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che gran film, quello!
      Dai, prima o poi ce la farai. O almeno, lo spero, che sennò ti perdi grandi cose ;)

      Elimina
  3. Uno dei titoli che mostrano il talento di Cronenberg prima dell'esplosione.
    Cult.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cronnie esplode sempre. Cambia solo l'intensità dell'esplosione u.u

      Elimina
  4. A me Davidino sta sulle balle, e vabbè. Ma lo considero un grande maestro nel suo genere nudo e crudo e nella sua contorta e violenta poetica, molto body, molto horror. ^_^
    Questo mi manca e prima o poi (((più poi))) lo vedrò. =P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davidino invece a me piace assai, anche se ho più voglia di vedere Videodrome, ma anche questo deve essere una ficata!

      Elimina
    2. @Vale ci sta, in effetti è un autore che o si ama o si odia. Quando lo vedrai fammi sapere ;)
      @Ale "Videodrome" è stato il suo primo capolavoro, una visione obbligatissima!

      Elimina
  5. Non l'ho mai visto, ammetto la grave mancanza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna c'è sempre tempo per rimediare :)

      Elimina
  6. Grandissimo film che come scrissi una volta aggiunge un tassello importante alla poetica di Cronenberg. La mente umana che modifica la realtà, concetto ripreso in maniera più "carnale" per gli effetti e metaforica negli atti in Scanners

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande film sí. Devo andarmi a recuperare la tua vecchia recensione, se ne hai scritto.

      Elimina
    2. No, di questo film mi manca, ne accennai quando parlai di Existenz

      Elimina
    3. Quella sì che la ricordo :D

      Elimina
  7. Un film sicuramente imperfetto ma molto angosciante, soprattutto sul finale. Mezzo diludendo le bestiacce, chissà perché le ricordavo come degli esseri neri e deformi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che a me le bestiacce poi hanno inquietato a stecca, proprio per via della loro dimensione bambinesca

      Elimina
  8. Fa piacere vedere del buon cinema d'autore in un contesto leggero come "Notte Horror". The Brood è un film anomalo nella sconfinata filmografia di Cronenberg... ma decisamente è la dimostrazione che quando si è bravi è possibile davvero realizzare capolavori di qualsiasi genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La leggerezza è l'ingrediente necessario per parlare di qualunque cosa ;) e concordo in toto con l'ultima parte del tuo discorso

      Elimina
  9. Figa l'iniziativa "Notte horror". Brood l'ho visto una sola volta, più o meno 18 anni fa (lo avevano trasmesso, credo, durante Fuori Orario e mio padre lo aveva registrato) e sinceramente ricordo pochissimo. Quindi urge una nuova visione. Poi vabbè, Cronenberg è dio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cronenberg è come la pizza: anche se viene bruciacchiata o fatta male, gli vuoi bene comunque! <3

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U