martedì 22 settembre 2015

Su Miss Italia e cose ben più importanti...


Ho sempre pensato che le donne non siano coloro che completano il mondo, ma che siano la completezza del mondo, se non la sua totalità. Per come la vedo io, il primo degli uomini non verrà mai prima dell'ultima delle donne, proprio perché loro possono raggiungere i massimi vertici in tutte le cose.

Anche in quelli negativi, ovvio.

Non a caso, la persona più intelligente e quella più stupida che conosco sono due donne. E in un terzo caso, queste figure sono inquietantemente fuse. Perché, per l'appunto, solo le donne possono possedere una simile completezza che noi uomini ci sogneremo per sempre. Al massimo possiamo essere intelligenti e stupidi in maniera del tutto mediocre.

A darmi conferma di questo mio pensiero ci ha pensato, come al solito, il mondo.


Beh... che dire... se non altro sapeva che nel '42 c'era la guerra. Per uno come me, che cerca di vedere i fattori positivi in tutto, è già una mezza conquista.

Da qui sono nate infinite parodie. Da "Avrei voluto nascere in India per conoscere i marò, tanto mica sono un pescatore", a "Avrei voluto vivere durante la crocifissione, tanto mica sono Gesù", passando da "Mi piacerebbe vivere durante un'apocalisse zombie, tanto i non-morti attaccano solo quelli che hanno un cervello" fino al quasi pirandelliano "Avrei voluto vivere durante la preistoria, tanto ho l'accendino".

Tutte parodie che mi hanno fatto ridere di gusto ma che, nella loro sovrabbondanza, mi hanno fatto fermare un attimo e valutare la situazione nella sua vaga interezza.

Perché se da una parte la ragazza ha detto una scemenza abnorme che sminuisce in maniera del tutto irrispettosa tutte quelle donne che hanno fatto la Storia, mentre lei è solo una Miss, dall'altra mi sembra eccessivo prendersela in questa maniera con una diciottenne.

Sì, una diciottenne che dimostra un'ignoranza senza pari, ma sempre una diciottenne.

Che per come la vedo io, non è altro che una figlia dei suoi tempi. O una vittima, fate come preferite, spesso i due vocaboli coincidono.

Perché magari sarà anche una diciottenne che in qualche maniera ci rappresenta, ma spesso i nostri rappresentanti sono solo uno specchio della nostra società. Una volta concepito ciò, credo che il problema diventi più grande e che la frase della Miss non sia nemmeno così degna di tutte queste attenzioni, dati tutti gli esempi ben più lampanti che abbiamo avuto in passato e nel nostro presente.

Perché dopo Romolo e Remolo, dopo aver sentito dire da più di un politico che "con la cultura non si mangia", dopo aver visto gente mitizzare individui che asserivano che l'immagine nella vita è tutto, dopo aver visto imprenditori diventare star della tv e spingere la gente ad avere il successo economico come massima ambizione, ho quasi smesso di stupirmi di certe cose.

Il mondo social poi non aiuta.

Anzi, amplifica certe cose e, nel farlo, ti mostra il lato peggiore della gente 'comune'. Di tutte quelle persone che fanno audience e permettono a 'fenomeni' come questi di avere una tale visibilità.

Su Facebook e su internet in generale mi è capitato di vederne di tutti i colori. Da padri di famiglia che vanno a dire che se una ragazza va in giro in minigonna e viene violentata, se l'è andata a cercare (ricorda nulla?); gente che nel 2015 è contro l'aborto ma favorevole alla pena di morte; gente favorevole alla pena di morte che la chiede su persone che sono sospettate di omicidio (ma quand'è che verrà istituito il silenzio istruttorio e il silenzio stampa fino alla condanna?); persone che pensano che gli immigrati siano il male del mondo e parlano di invasione; o persone che si passano le serate su youporn - non che ci sia nulla di male, eh - ma poi danno della troia a una ragazza che magari si veste un po' scollata d'estate. Tutto questo in un paese invaso dai talent, dove sembra che se vuoi farti una carriera artistica devi per forse essere gettato in pasto al pubblico televisivo, dove sei italiani su dieci ammettono di non leggere manco un libro all'anno e che partoriscono oscenità tipo, a me mi e non sono razzista però...

Io non scrivo questo perché mi sento superiore ad altri - oh, a me piacciono i film di Zack Snyder, ricordo. Sono conscio di essere una persona molto ignorante e che deve ancora apprendere molto, sia in senso intellettuale che di vissuto. 

Al massimo dico di essere stato abbastanza fortunato.

Fortunato perché sono stato cresciuto da due genitori che, in quanto umani, magari hanno fatto i loro inevitabili errori, ma mi hanno insegnato molte cose. Tipo a informarmi sempre e comunque, a non giudicare, a cercare di vedere ogni volta il meglio nelle persone e a non pensare che le mie necessità e le mie idee vengano prima di quelle altrui.

A me non interessa difendere Alice Sabatini. Non la conosco e, sinceramente, non ho manco molto interesse nel farlo. Ma penso anche che questa crocifissione mediatica stia diventando abbastanza eccessiva.

Lei di certo non ha mostrato molto acume.

Ma mi sembra anche quella con cui è più facile prendersela. In un mondo dove gente adulta, col contributo della quotidianità, dice ogni giorno cose ben più gravi. E il fatto che non abbiano tutta questa visibilità non toglie peso a quelle parole.

Molto semplicemente, credo che a tutto ci sia rimedio. Anche all'ignoranza dilagante - e l'ignoranza non è mai giustificabile. Ma possiamo trovare una soluzione solo se, nel nostro piccolo, cerchiamo di essere i primi a migliorarci un poco alla volta tutti i giorni.

26 commenti:

  1. Concordo, l'uscita della miss è stata a dir poco infelice, ma meglio pensare ognuno a se stesso, concordo molto con il tuo finale ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della serie: famose 'na risata, ma il gioco è bello quando dura poco.

      Elimina
  2. Zack Snyder? Zack Snyder??? Tu, sì tu, come osi!!! ;-)
    La nuova Miss Italia è il ritratto perfetto dell'Italia che è oggi. Il trionfo della vacuità. Trovo tutto così sconfortante. Il fatto che sia un concorso di bellezza, non si significa che bisogna essere cerebrolesi per partito preso. Nel 2015 esiste ancora una forte discriminazione sulle donne e dire cazzate di quella portata è come gettare benzina sul fuoco. Ha 18 anni e ha detto una cazzata. Ma a 18 anni ci si può benissimo prendere le proprie responsabilità. D'altronde è a 18 anni che prendi la patente, puoi votare, ti puoi sposare, lavorare, comprare casa etc. Diventi anagraficamente un adulto. Tecnicamente, l'adulto di domani. E' una responsabilità fare ammenda e ammettere la propria ignoranza, che, nei tempi di internet e dei social network, viene venduta come se fosse oro colato. Ecco, a me questo fa arrabbiare, l'ignoranza come se fosse la normalità. In aggiunta alla mancanza di memoria storica, nel vedere la cultura come qualcosa di palloso, se non pericoloso. Ha detto una cazzata. E che sarà mai, tanto tanti ne dicono tante, una in più male non fa, mica ha ucciso qualcuno. Però fa male. Lei viene vista come il riscatto della regione Lazio. Sappiamo benissimo cosa sta succedendo, pure io che non vivo più in Italia lo so, ne parlano anche all'estero. Ora,lei non deve salvare né la sua regione, né l'Italia intera, ma siamo seri, è questo il riscatto? Veramente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ne è il ritratto, ma come lei ce ne sono mille altre. Lei ha solo avuto la 'sfortuna' che la stessa celebrità che agognava sia diventata la sua gogna. E penso che il fatto che una persona si trovi sotto i riflettori non la renda peggio di tante altre che, di nascosto, fanno e dicono cose ancora peggiori. Personalmente, io ritengo peggiori questi ultimi.
      Lei ha comunque 18 anni, ma i 18 anni di oggi sono diversi dai diciotto anni di una volta. Persino io, che quell'età l'ho passata da ormai sette anni, riconosco una certa differenza. Già ero un bambinone io all'epoca (e lo sono ancora adesso), poi il tempo che passa allunga ulteriormente la puerilità, lei quindi, come già detto, è solo figlia del suo tempo.
      Che lo so che non è una scusante necessaria, ma alla lunga è un po' come la storia del nero del Bronx che si mette a delinquere. Ha fatto un gesto contro la legge e deve pagare il suo conto con la società, ma la visuale non può fermarsi unicamente lì. Se fosse cresciuto in un ambiente e in una famiglia in grado di permettergli una vita 'normale', sarebbe diventato così? Ecco, la Sabatini ignorante non ci è nata, per nessuno è così, ma se è cresciuta in un certo modo la colpa di è di qualcun altro.
      E se viene vista come il riscatto della regione Lazio, manco lì è colpa sua. Del resto, noi poco possiamo fare se gli altri ci vedono in un certo modo.

      Elimina
    2. Scusa,ma la colpa è da imputare solo a lei.Non è vittima di un sistema che fa schifo. Se il sistema fa schifo, o ti ribelli, o ti conformi alla mediocrità e lei ha scelto la seconda via, più facile da intraprendere. Viene da un ambiente normale, ha avuto la possibilità di andare regolarmente a scuola, fare attività sportive e/o ricreative. E' lei che ha voluto conformarsi con il clima di totale ignoranza e stupidità che c'è in giro. Poteva fare la differenza, ma non l'ha fatto. La colpa è solo sua. Quanto al riscatto laziale, lì è la stupidità di chi ha scritto, tanto nel calderone della vacuità vale poco o niente, tutto fa brodo, però è allo stesso inquietante e allarmante. Ciò che dispiace in tutta questa inutile storia, è che nessuno, ma proprio nessuno tra chi ha il 'potere di penna' ha colto l'occasione di fare una riflessione sulla pochezza a chi è destinata la nuova generazione di giovani italiani. Io non mi accanisco su di lei, mi importa poco o niente anche se a prima vista non sembra. Pure io ero una capra a scuola, ed ero anche pure grassa, quindi manco sulla bellezza potevo contare. La bellezza non c'è, ma ho deciso di migliorare intellettualmente. Questo nel mio caso, è fare la differenza. E non provendo da una famiglia di accademici e ho avuto un decimo delle sue opportunità, che faccio ancora fatica ad ottenere. Ma questa è un'altra storia e non interessa a nessuno. So solo che veramente la cultura serve poco a niente, è la pochezza vince sempre. Lei è figlia del suo tempo, è un tempo che fa irrimediabilmente schifo. E' questo che mi preme.In un immaginario utopistico, Renzi avrebbe dato frotte di soldi alle scuole e avrebbe fatto una riforma scolastica ad hoc per rendere competitiva l'istruzione e farne il fiore all'occhiello del belpaese, perché da quel che si evince, non forma un bel niente. Ma siccome la realtà vera fa schifo, l'Italia rimane pizza e mamma, ed è' più facile massacrarla, e se lei sarà abbastanza furba, o prenderà in mano un libro, o userà questo tam tam mediatico per fare carriera.

      Elimina
  3. Concordo su tutto.
    Io credo che il punto sia che quelle stesse persone che straboccano di ignoranza e che si sono accanite contro di lei, ne trovassero una dopo l'altra! Quella più acclamata è stata che Alice non solo fosse ignorante ma che non fosse nemmeno bella. Adesso, di sicuro non sta a me giudicare e aggiungo che nemmeno io l'avrei proprio scelta, ma cavolo, fossimo tutti brutti come lei...
    Quello che intendo dire è che le persone non vedono l'ora di leggere su Facebook notizie del genere per poter commentare in modo negativo per elevare la propria autostima. Non c'è altro motivo.
    Dall'altro canto io sono davvero sconcertata dall'ignoranza delle persone e dei giovani oltretutto, che poracci, sono cresciuti in famiglie dove l'informazione non era proprio di casa. Purtroppo ne conosco anche di queste persone, e non è possibile fare un discorso di senso compiuto con loro.
    Al mondo ci vorrebbe un po' più di umiltà e di informazione, o per lo più di curiosità. Ma a quanto pare questa è l'intelligenza media con la quale dobbiamo fare i conti, quindi, tanto vale farsi una risata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si sa che la più bella a Miss Italia non vince mai ahahah!Quando vinse Anna Valle dicevano di lei che aveva il sorriso come il mal di mare. Io di Manila Nazzaro dissi che era la brutta copia di Edwige Fenech! aHAHAHAH! Io se fossi andata a Miss Italia, avrei ricevuto lanci di pietre ancor prima di fare il provino! :-p
      Più che elevare la propria autostima. insultare pesantemente serve per scaricare la frustrazione che gli utenti sembrano produrre in quantità industriali. Basta fare un passo falso, basta essere indignati, che ecco giù al massacro per far parte del gruppo, per dare un contributo, avere quei 15 minuti di celebrità auspicati da Wharol. E' come far parte, sicuramente esagero, di un 'evento storico ben preciso', e se non dici la tua, ecco, hai perso l'occasione della vita.
      Non so se conosci ClioMakeup, è una truccatrice e blogger. Questa è stata insultata da Veronesi che l'ha definita cicciona alla radio. Lei giustamente si è indignata e gli ha risposto per le rime sul suo blog, ma una volta ha fatto un video dove insultava delle donne americane (lei vive a NY) dove diceva che erano delle bagasce (bagashan per riprendere lo stile di quella del reality). Ora, nei commenti, tutto bello bello, e una giustamente s'incazza, le dice che è incoerente, e dopo 200 commenti, scatta il momento gogna, che prima di quel commento nessuna aveva osato fare. E' appunto il cavalcare l'onda. E' come se bisogna per forza dire qualcosa, una opinione, e se non la dici anche tu, allora non fai community, o almeno è quello che mi viene da pensare.
      Il background culturale di famiglia c'entra in parte. Io vengo dalla classe operaia, e il mio modo di pensare è diverso dai miei, non perché sia più intelligente di loro, ma perché mi hanno permesso di entrare in un contesto socio culturale differente da quello di origine.
      Direi che è sconfortante quello che ci circonda. La falsa informazione, la scuola che non offre stimoli perché tanto non serve a un ca*zo (e questa disgraziata ce lo ha dimostrato a mani basse), la cultura poi, uh mamma la cultura che non ci mangi e nemmeno ci fai all'amore.
      Ecco, lei è il capro espiatorio di una gioventù che è già nata sapendo che il mondo non vale niente, e quindi è meglio sapere esprimere il nulla assoluto. E questo è veramente grave. Mr. Facebook starà gongolando, deve aver avuto una brutta adolescenza, perché con FaceBook si sarà vendicato di tutti i torti subiti, trasfromando mlioni di persone normali in una fabbrica di mostri! :-p.

      Elimina
    2. Non sapevo quello di Clio, denghiu per l'informazione.
      Più che altro questo accanimento per me è dovuto anche al fatto che la democrazia è un bene, ma come ogni cosa deve essere usata con consapevolezza. Io prima di esprimere un'opinione ci penso due volte, specie se non sono con gli amici del bar a farmi un bicchiere, ma bisogna tener conto che l'offesa non è mai accettabile.
      Pure io vengo della classe operaia (e per lavoro ho fatto il custode, ovvero il pulicessi), eppure i miei genitori mi hanno sempre esortato a leggere e studiare, quindi credo che l'ambente in cui cresci ti formi non poco sul piano umano. Sulla scuola non mi pronuncio, è un sistema in cui ho letteralmente perso le speranze...
      Con Facebook credo valga quanto detto con tutto il resto. E' un mezzo, dipende da come lo si usa, sia nel bene che nel male. Se delle persone si trasformano in milioni di mostri solo per un sito, il problema è più fondo e radicato.

      Elimina
    3. Però vedi, hai voluto fare il salto di qualità (non che pulire i cessi sia una cosa schifosa, io ho fatto di tutto, nonostante fossi laureata, anzi, mi sa che ho pulito i cessi proprio per quello ahahaha). Common sense. Se solo la gente sapesse che un conto è dire la propria opinione come stiamo facendo noi, un altro è aprire la bocca per insultare usando l'alibi della libertà di opinione. Ma ancora c'è un anello mancante tra il web, il cervello e la tastiera... -_-

      Elimina
  4. Sono assolutamente d'accordo con quello che hai scritto.
    La Sabatini è solo l'ennesimo capro espiatorio su cui riversare facile ironia e demagogia spiccia.
    Di certo non ha fatto una gran bella figura ma la gogna mediatica è un po' un'esagerazione, considerando anche che la sua ambizione era Miss Italia e non il convegno di etica della storia d'Italia.
    In fondo non è altro che una ragazzina che ha fatto una figuraccia come capita a tante altre, ma a cui è toccato pagare lo scotto della popolarità che tanto bramava.
    Di certo questa umiliazione pubblica per lei sarà una bella lezione che difficilmente si dimenticherà, invece noi spettatori saremo pronti a gettarla nell'oblio al prossimo strafalcione virale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, credo che l'ultimo punto sia quello più inquietante. Io ho letto commenti anche violenti nei suoi confronti, e tutto per il trend del momento, un qualcosa che nel giro di un paio di mesi verrà dimenticato. Ma le parole hanno sempre la loro valenza, e quando vengono usati termini così pesanti a cuor leggero non mai un bene.
      Tutti devono pensare due volte prima di parlare o scrivere. Non solo le Miss.

      Elimina
  5. Quando ho sentito di questa cosa non ci potevo credere, possibile che a 18 anni (io ho fatto la tesina della maturità sulla seconda guerra mondiale) non sappia, ma a scuola ci va o no, non riesco a capire...poi su facebook quelle frasi che fanno si sorridere ma riflettere, siamo quasi tutti dei mostri tecnologici e si esagera troppo spesso, ma il mondo è veramente strano..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sentito cose peggiori da persone laureate, se la cosa ti può consolare. I titoli di studio purtroppo non hanno mai voluto dire nulla.

      Elimina
  6. Sono d'accordo con quello che dici, insomma l'avesse detto, che ne so, una giornalista!
    Stiamo parlando invece di una povera 18enne, tra l'altro in un momento di stress, sì insomma davanti ad una platea in mutande voglio vedere voi ;-D e in tv per giunta...
    Detto ciò devo ammettere ho trovato spassosissima la ricostruzione del momento in stile Inside out, spero ci faccia una risata sopra anche lei ;-) O che veda il risvolto alla Oscar Wilde "purchè se ne parli"... sai che botta di pubblicità grazie alle cavolate che ha detto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimane comunque una cosa abbastanza gravuccia da dire, anche a mente leggera. E il fatto che non l'abbia detta una giornalista non toglie nulla, resta che l'ha detta una donna che ha sminuito altre donne.
      Ma a un certo punto sono arrivato a pensare che sia tutto costruito, come l'annuale scandalo di Sanremo.

      Elimina
    2. I commenti peggiori vengono sempre dalle donne. Gli uomini tendono a fare commenti di natura fisica, le donne no, zero solidarietà, sappiamo essere crudeli, delle vere bastarde tagliagole.

      Elimina
    3. Ale, mangiato limoni a colazione, oggi?

      Elimina
    4. Sarà la sindrome premestruale! :-P

      Elimina
    5. C'è chi a mangiato pane e veleno, ho trovato qualche commento tutti al femminile
      dalla pagina della nuova Miss:

      'cazzino sospetto'

      'Studiare Storia non fa male ...mi sembra che lei come grado di cutura abbia le medie inferiori esistono cmq le scuole serali ....'

      'Colpa del cervello da gallina, che cazz ririv a fa?'

      ' Ma vai a scuola!!!! Vai a studiare!!!!!!!!!!!! Capra!!!! Ma quale emozione??? Tu non hai MAI aperto un libro!! Sai cosa sono i libri?'

      'Vai a studiare storia invece di fare foto... deficente!'

      'Altro che segno di vittoria io mi sarei fatta cremare dopo una tale figura.'

      'allora le belle cosa sono? 18 anni? se li porta malissimo...vabbè siamo in italia'

      'Le pagine dei libri di storia, a quanto pare, le ha solo contate!
      Peccato.' (questo è il commento più pacato)

      'Sa contare?' (questo è il seguito del commento sopra)

      'è colpa dell'emozione, povera stella...ma poi dico quale emozione se sapeva già che avrebbe vinto lei!! Cosa inventano per recuperare in extremis la figuraccia nel dimenticarsi la frase da copione che le hanno assegnato!! Oltretutto ha vinto la fascia miss cinema, si è dimenticata poche righe figuriamoci un intera sceneggiatura!!!'

      'Gambe storte'

      'Guarda solo "uomini e donne"'

      'ma smettiamola con la cazzata della povera 18enne che Si è spiegata male perché piccolina, se la considerate tale che vada a giocare con le barbie e non faccia concorsi di bellezza. Per fare questi programmi e' adulta ma per le cafonate e' una bambina. È na capra stop! 🐏🐐 caaaaapraaaaa' (Mo' a questa le scrivo perché voglio sapere dove ha trovato le capre, le voglio mettere anche io quando commento)

      'Quanta cattiveria ... Siete tutte delle stronze!'. L'ultimo commento l'ha scritto un uomo.

      C'è da scriverci un simposio. Altro che mangiare i limoni a colazione. Acido, acida, acico acida uohouooooo!XD

      Elimina
  7. Ben detto.
    Che poi,tutta questa gente che sputtana,vorrei tanto sapere se era tanto furba ed istruita,a 18 anni.
    Io personalmente a 18 anni ero una ragazzina cicciotta e rinco,e credo che stronzate ne avrò dette a secchiate.
    E ne ho messo di tempo a migliorare XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I diciotto anni sono uno schifo un poco per tutti, che vuoi farci ^^'

      Elimina
  8. Condivido questa tua riflessione. Ammetto di aver riso di gusto mentre leggevo alcuni di quei meme, però a un certo punto il gioco deve finire. Come dici tu - i social network non autano - e infatti la cosa si è ingigantita fino a diventare quasi irritante. Inoltre non la trovo nemmeno brutta come si è detto, ma trovare una miss che metta d'accordo tutti penso sia impossibile. Se devo essere onesto, trovo questi concorsi di bellezza inutili ai massimi livelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La miss è una capra, ma di capre in questo momento storico è pieno il mondo, purtroppo.
      Speriamo che in omaggio, in seguito alla vittoria, ci fosse anche qualche libro e qualche articolo di attualità che spieghi la presenza della guerra anche ai giorni nostri. ;)

      Elimina
    2. Io spero che, nella paura di fare la stessa figura, la gente inizi un attimo a studiare o a leggere.
      Anche se dovrebbe essere una cosa spontanea...

      Elimina
  9. L'inizio di questo tuo post mi ha ricordato una frase di Kurt Cobain: "Non ho mai incontrato un uomo saggio, ma se è così era una donna"

    RispondiElimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U