lunedì 14 dicembre 2015

The visit


C'era un tempo in cui ero un ragazzino innocente e incauto, un tempo in cui per sbaglio in tv vidi un film intitolato Il sesto senso. Un film che mi inquietò e che mi piacque moltissimo, forse uno dei primi film 'seri' che ho iniziato a vedere e che mi ha fatto scoprire come il tema dell'orrore, del raccapriccio, poteva nascondere al proprio oscuro interno molti altri significati. Passarono gli anni e al cinema estivo del mio paesino vidi Signs, altro film che mi piacque moltissimo e, un anno dopo, comprai alla cieca il dvd di Unbreakable, poiché sapevo che era stato diretto dallo stesso regista degli altri due - da quel film poi nacque anche la mia passione per i fumetti, ma questa è un'altra storia, come direbbe Michael Ende. Quel regista era Manoj Night Shyamalan, che riuscì a folgorarmi in maniera incredibile con The village, divenendo nei primi anni della mia adolescenza uno dei miei cineasti preferiti. Poi? Beh, diciamo che la sua stella sembra essersi offuscata, incassando un flop dietro l'altro, tanto che qui nella blogsfera non lo si chiama più col suo vero nome. Alcuni lo chiamano Shiabadà, altri Shallallà, io invece ho optato per Shallallalapolly, in ricordo di una vecchia marca di bambole di cui vedevo la pubblicità in tv e che trovavo letteralmente odiose. Eppure, nonostante il poveraccio non ne imbrocca più una da tempo, io non ho mai smesso di credere in lui e nel suo (apparentemente scomparso) talento, e per certi versi attendevo con una certa ansia questo suo ultimo film.

Loretta è una madre separata che non parla da anni coi suoi genitori, rei di non aver accettato la sua relazione col padre dei suoi figli. Un giorno, poiché deve partire per una crociera col suo nuovo uomo, manda i figli Rebecca e Tyler in vacanza per una settimana dai nonni, che non hanno mai conosciuto. Ma qualcosa sembra andare storto...

Uno cerca di iniziare la visione con tutte le buone intenzioni del mondo, quando vede spuntare il logo della Blumhouse. Per chi non lo sapesse, quella è la casa di produzione gestita da Jason Blum, ex venditore porta a porta che è diventato col tempo produttore cinematografico, investendo parte del suo denaro in rare scoperte (vedasi cose belle come The reader o Whiplash) e in tanti horrorini estivi che solitamente intasano le proposte estive, che sembrano diventati la sua fissa da quando ha ignorato i diritti di The Blair witch project, rifacendosi poi con Paranormal activity. La formula per gli horror sembra essere sempre la stessa: poco budget e devono fare schifo. Non schifo per via del gore, quanto per la qualità tecnica e tematica. Il pensare quindi che l'indianone avesse compiuto quella che doveva essere una sua sorta di 'rinascita' proprio con questo tizio qui, beh... diciamo che mi ha fatto abbassare le aspettative di molto. Molto di più del sapere che il film avrebbe trattato, fondamentalmente, di una coppia di nonni che schiumano - le parodie su internet si sono sprecate. Girato poi con la tecnica del found footage, che a parte per dei piccoli esempi felici come Cloverfield e Chronicles, non mi ha mai fatto impazzire, ma speravo che in qualche maniera lui riuscisse a fare proprio anche questo. E per qualche strana volontà divina, strano a dirsi, ce l'ha fatta. Forse l'allontanarsi dai blockbusteroni di Hollywood e dai grandi budget deve avergli giovato perché, nonostante la presenza di alcune minchiate che ultimamente sembrano essere diventate un suo marchio di fabbrica - oppure ci sono sempre state, solo che col tempo è diventato sempre meno bravo a nasconderle - la visione procede. Ci sono gli inevitabili punti morti che caratterizzano i film di questo tipo, certe scene di cui si poteva fare benissimo senza ma, cosa importante, riesce a creare tensione. Ci sono un paio di scene che, pur non avvicinandosi ai livelli di It follows, in assoluto il film che mi ha maggiormente inquietato negli ultimi mesi, riescono a trasmettere un certo disagio. Tutto è apparentemente giocato sull'ambivalenza dei due nonni e su quello strano magone al quale la senilità, un mondo apparentemente così lontano ma al quale siamo tutti destinati, sembra essere direttamente collegata. Da qui il disagio creato da certe scene. Ma il film dimostra, fra le righe, di essere più di questo. Lo dimostra zoppicando un poco, offrendo un coprotagonista davvero odioso e un canovaccio iniziale poco plausibile (una che manda i figli da delle persone che non vede da quindici anni merita proprio l'Oscar come madre dell'anno), ma alla fine quello che ne viene fuori è un ritratto sul dolore e la perdita, e sul rancore che essa comporta. Tutti i protagonisti sono stati resi in quella maniera perché è stato tolto loro qualcosa dalla vita e il twist finale, un must nei film dello Shyamalan migliore, è in perfetta sintonia con questa tematica. Che nonostante la confezione mock e dei momenti involontariamente comici, porta a casa un risultato abbastanza soddisfacente e offre una scena finale da che sola vale tutta la visione, nella sua spoglia e rudimentale semplicità. Non so se si tratta di una vera e propria rinascita, perché i primi film di questo autore sono davvero un ricordo lontano, ma possiamo dire che sta cercando di fare del suo meglio per tentare di risalire la proverbiale china. Forse ci vorrà un poco di tempo, ma io sono fiducioso. Del resto, se è riuscito a portare a casa il risultato con un film simile, che aveva tutte le carte in regola per essere la buddhanata dell'anno, è possibile che un giorno, forse purtroppo non troppo vicino, riesca a stupirci di nuovo. Io voglio crederci, anche se non so se sono spinto dalla speranza o dal masochismo...

Oggi poi sono stato a pranzo da mia nonna. Credo mi sarà difficile per un po' guardarla con gli stessi occhi di prima...


Voto: 

27 commenti:

  1. Con le aspettative basse,ma cmq lo guarderemo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, al vecchio indiano deve essere data un minimo di fiducia ^^'

      Elimina
  2. Il film che cambia la percezione sui nonni per sempre ;-) Concordo con te, sul voto, e sul passato del regista Indiano, questo film secondo me è la conferma dei pro e dei contro del vecchio Michael Night. Cheers! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però basta cazzeggiare ora, serve un nuovo "The village"!

      Elimina
    2. Anche io rimpiango "The Village"!
      Questo, anche se non è esattamente il mio ideale di horror, mi ha piacevolmente colpito per il colpo di scena.
      Una cosa è certa, il rap del ragazzino era a dir poco terribbbbbile!

      Elimina
    3. Che ci vuoi fare, quello della completa guarigione è un processo lungo... XD

      Elimina
  3. Bah, io credo che la senilità abbia colpito Shallalalalà da giovane. Anzi no, perché a conti fatti io odio anche Il Sesto Senso. No, non riesco a salvare sto regista né sto filmetto, ma poi capisco che il problema non è come dirige ma quello che scrive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco il perché di questo odio. I suoi primi quattro film per me sono ottimi.

      Elimina
    2. Il Sesto Senso per me è la presa per il culo suprema allo spettatore: non ti da indizi, è tutto forzato. Arrivi alla fine e pensi "ma come ho fatto a non capirlo", te lo riguardi e ti sembra tutto così ovvio ma in realtà non è così, è la nostra mente che si adatta ma, ad una prima visione, è praticamente impossibile trovare indizi che ci portino a capire qual è la verità. Poi il mio non è odio a prescindere: la prima parte di Signs mi piace, Unbreakable lo amo (ma non lo ritengo un bel film) e The Village per me è un capolavoro.

      Elimina
    3. Che ti dirò, i motivi per cui odi "Il sesto senso" sono un po' quelli che me lo hanno fatto piacere.
      Concordiamo su "The village", e ti dirò, ritengo "Unbreakable" un gran bel film ;)

      Elimina
    4. Unbreakable per me è il film nerd di un nerd, non lo trovo "bello" perché non trovo che i presupposti su cui si basi siano solidi. insomma, mi sembra giri a vuoto (proprio perché Shallalalalà non sa scrivere se non così) ma a me piace tanto tanto lo stesso!

      Elimina
    5. Nerd proprio non, non usare quella bruttissima parola :(
      I presupposti sono l'analisi di un archetipo, quello del supereroe, e dell'accettazione di sé. L'unica cosa che gira a vuoto credo sia Jackson quando cade dalle scale XD

      Elimina
    6. Dai, non la uso mai in senso dispregiativo, ormai è quasi diventato uno status. Per me film nerd nel senso di film basato si sull'analisi dell'archetipo del supereroe, ma molto pane e salame, con basi opinabili. Insomma, non è Watchmen :P

      Elimina
  4. Anche io considero Shambalà più un bravo regista che non un bravo sceneggiatore, e nonostante questo lavoro sia migliore delle schifezze prodotte negli ultimi anni, siamo distanti anni luce da The village.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo quello è vero. Ma come ho detto, risalire è più difficile di scendere...

      Elimina
  5. Ne stanno parlando tutti e molto bene. Io voglio dargli fiducia e spero di poter confermare le mie aspettative. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto sia riuscito, non alzare troppo le tue aspettative. Consiglio sa amico.

      Elimina
  6. Ottima analisi, di cui condivido tutto (anche la valutazione) eccetto quei "momenti involontariamente comici" che io ho ritenuto volontari. Tanto non sapremo mai chi dei due ha ragione. :-)
    Mi fa piacere trovare così tanto ammore per The Village anche nei commenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti mi fa strano che in certe parti un film così bello sia tanto perculato. Per me non l'hanno capito...

      Elimina
    2. Io sono della scuola di Stefania. Ridicolo, ma come Scream Queens: per precisa, misteriosissima intenzione. ;)

      Elimina
    3. Quello ancora mi manca, ma non mi interessa molto. Devo ancora riprendermi da quattro stagioni di "Pretty Little Liars" :/

      Elimina
  7. A me è piaciuto, nonostante il ragazzino odioso. Ho sorvolato un po' sul "senso della perdita", ché alcune trovate in tal senso erano risibili (vedi i tic dei due ragazzini) e l'ho preso più come un divertissement parodico. A tal proposito: VOGLIO vedere le parodie dei nonni sul web, perché me le sono perse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tic dei bambini invece li ho trovati buoni, specie per come si risolve la situazione verso la fine.
      Le hai perse? Strano, Facebook fino a poco fa ne era invaso .____.

      Elimina
  8. Bravino Shambalaya in questo film, però ancora non mi ha convinto del tutto. La prima parte, ad esempio, non mi è piaciuta per nulla. Poi con il colpo di scena in pieno stile Shibbolett il finale si riprende alla grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci ho visto dei segnali di ripresa. Prima o poi tornerà a risplendere ♡

      Elimina
  9. Fiducia ben riposta. Mi sono divertito e addirittura intenerito, nel finale. Una favola dark, ma anche molto ironica, in cui la morale non manca. Carini anche i bimbi, forse penalizzati un po' dal doppiaggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La morale finale ammetto che mi ha colto un attimo impreparato...

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U