venerdì 5 gennaio 2018

What's up bitches?


Ebbene sì...
Chi mi segue sui vari social avrà visto un mio intervento dove dicevo che avevo una mezza idea di chiudere Recensioni ribelli. Idea che, detto sinceramente, non se n'è mai andata del tutto.
Senza entrare in fatti fin troppo personali, non ho mai nascosto che per me gli ultimi anni non sono stati proprio una passeggiata e, durante il 2017, ho pagato lo scotto anche di fronte all'entusiasmo con cui mi approccio alle mie passioni. Risultato: pochi film visti, poca scelta effettuata a mente fredda e, di conseguenza, anche degli articoli non all'altezza.
Oddio, non che prima brillassi, eh...
Diciamo che se non altro mi divertivo e, cosa bellissima, per me, si partiva iniziando a parlare di un film per poi andare a toccare tutt'altro argomento. Si creava un dibattito (costruttivo, il più delle volte, e qui è stata anche la mia fortuna) con chi commentava, come un gioco senza vincoli e al quale tutti potevano partecipare.
Ma ultimamente la voglia di scrivere era davvero poca. Un po' perché la griglia che avevo scelto mi stava pensando molto, ma soprattutto perché non riuscivo più a vedere cose davvero in grado di emozionarmi.
Forse la soluzione era proprio questa: ritrovare l'entusiasmo.
E cosa di meglio di una nuova partenza?
Recensioni ribelli sarà sempre il posto che avete conosciuto. Ci saranno sempre i miei deliri ma, stavolta, con delle modifiche.
Non scriverò in maniera bucolica come prima, perché è inutile recensire un film se lo fai come prassi, perché è l'ennesimo Blockbuster che hai voluto vedere a forza per poterti attaccare agli altri. No, si cambiano regole ma non si cambia gioco. Possibilmente, solo recensioni freschissime di visione, poche saghe multi-capitolari e un occhio di riguardo solo verso quei titoli che meritano davvero due parole, sia in positivo che in negativo. Si parlerà solo di quello che voglio e come voglio. Ci si prenderà (ancora) meno sul serio, ma si cercherà di farlo con maggior passione. Proprio per questo pubblicherò meno, ma spero di riuscire a farlo meglio.
Alla fine, probabilmente, non serviva chiudere.
O forse sì.
Ma dalla fine avviene sempre un nuovo inizio. E spero che stavolta possa durare il più a lungo e meglio possibile.

Grazie a tutti voi che mi vorrete seguire di nuovo in questo viaggio!
Jean.

18 commenti:

  1. Mi sembra la decisione più saggia, deve essere come una maratona, si corre al ritmo giusto, altrimenti non è un piacere ma un suicidio. Sono felice di sapere che hai deciso di tenere duro, i tempi duri vanno e vengono, le passioni per fortuna restano... Bro-Fist! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo a commentare non potevi che essere tu, bro 😘

      Elimina
  2. I cambiamenti aiutano sempre, che si tratti di cose positive o negative.
    Anche il Saloon ha avuto mutazioni, negli anni, e non me ne sono mai pentito.
    Vai avanti così!

    RispondiElimina
  3. Giusto così, anche perché da una caduta ci si dovrebbe alzare e non il contrario e arrendersi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sacrosante 😉 di cadute ne ho avute parecchie ma per fortuna indosso le ginocchiere 😂😅

      Elimina
  4. oh jean sono contenta che non te ne vai, ma tutti gli altri post dove sono? Sono spariti? O_o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, si riparte da capo... con più coscienza, più selezione e un nuovissimo format u.u

      Elimina
    2. Vedrai, tutto di guadagnato 😉

      Elimina
  5. Ottima scelta, Giacomo!!! Complimenti per il coraggio di ricominciare veramente da zero! In bocca al lupo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo momento della mia vita ne avevo davvero bisogno 😅

      Elimina
  6. Ci sta ci sta. Molto curioso di seguire il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Molto felice di averti a bordo 😉

      Elimina

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U