BONE TOMAHAWK, di S. Craig Zahler


Un clan di trogloditi cannibali vive isolato tra le montagne, fino a che non rapiscono la dottoressa Samantha, moglie del gambizzato Arthur. Quest'ultimo quindi farà parte di una missione di salvataggio con lo sceriffo Hunt, il dandy Brooder (che aveva un debole per sua moglie) e il vicesceriffo demente Cicoria...


Quando un film inizia con una comparsata del compianto Sid Haig (che poi, a un rispettoso anno di distanza dalla dipartita, possiamo dire che il suo nome sia teutonicamente equivoco?) sai già che ci sarà di che divertirsi. Se poi prima hai letto il curriculum del regista S. Craig Zahler allora sai già di aver trovato un anima affine, una di quelle che davanti a una birra finisci col capire già al primo rutto.

Nato inizialmente come scrittore di western e horroracci di vario tipo, ha poi militato nelle band metal Realmbuilder e Charnel Valley, fino ad arrivare dietro la macchina da presa con questo Bone tomahawk - anche se durante gli anni del college aveva scritto la sceneggiatura Asylum blackout, arrivato sul grande schermo col titolo The incident.

Un film che fu un esordio col botto, perché a una prima opera una tale commistioni di generi, così equilibrata nella sua semplicità ma che aveva pure qualcosa da dire è davvero sorprendente a qualsiasi epoca.

Zahler ha fatto capire fin da subito dove il suo cinema vuole andare a parare.

Nella parti basse.

E qui si deve aprire una piccola parentesi su quella che è la sua attività da scrittore e musicista, perché è palese, a risultato finito, come i due immaginari abbiano influito sulla sua visione e sull'utilizzo del mezzo. Perché il nostro viene dai "bassifondi" e facebdo quello che potrebbe essere definito un "cinema d'autore" ha voluto conglomerare a tutti i costi tutto quello che l'ha accompagnato durante il proprio vissuto.

Il metal, così come la letteratura pulp, ha avuto il grandissimo merito di sdoganare temi che prima venivano sicuramente trattati con le pinze. Se il pulp, al netto di tutte le dietrologie tarantiniane, sostanzialmente consisteva in racconti (spesso scritti anche piuttosto male...) destinati a una classe non abbiente che cercasse di dare epicità, certe volte, a quello che quotidianamente vivevano - i famosi dime novel. Il metal invece, così come il rock e il punk da cui deriva, è stato il grido di rabbia di una generazione che non voleva gonna take it e che dell'oscurità che tanto spaventava i bigotti ha fatto uno scudo.

Oramai i tempi sono cambiati. Oggi chi si spaventa più, quindi la provocazione va cercata altrove, per quanto Zahler sappia gestire la violenza molto bene. Quello che al metal-kid interessa raccontare è, tra una frattaglia e l'altra, la genesi di un paese che si basa sul sangue e che col sangue deve cancellare tutto.

Apprendendo dai migliori, riesce a mettere in piedi una squadra di sgangherati anti-eroi, ognuno col proprio peso, che ha più di un motivo per completare quel viaggio. Ecco così che tra gli elementi horror ognuno riesce a tirar fuori la propria vera natura, chiudendo il cerchio col loro passato e mostrando tutto quello che li ha condotti fin lì, che va al di là della missione che devono compiere. E' così che Bone tomahawk diventa l'affresco di una nazione fondata da uomini disperati che spera di avere un riscatto finale.

Ognuno a suo modo, poi.

Ma è innanzitutto un horror che non prende solo dal passato del regista, ma anche da quello del cinema stesso, apprendendo la lezione che fecero grandi gli anni che furono senza però scimmiottarli inutilmente. Ed è lì che il film mostra il proprio meglio.

Violenza, violenza a vagoni, che si distilla tra un tempo lungo e l'altro (nonostante tutto, l'incedere è piuttosto lento) ma che quando è presente manda a casa tutti quei fighetti videoclippari che troppo spesso occupano il posto che spetterebbe ad altri. Seriamente, se siete di stomaco debole, non iniziate neppure a guardare questa roba.

Sfido però chiunque non voler un po' di bene ai personaggi, fermo restando che a Kurt Russel se ne deve volere a prescindere. E solo per questo si dovrebbe vedere questa piccola bellezza.








Commenti

  1. Concordo a pieno con la tua ottima recensione di quello che è un vero gioiellino del cinema indipendente! :--)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma poi, davvero... che ansia 😅 e finalmente scene splatter degne di questo nome 🤓

      Elimina
  2. Che sorpresa di film! La svolta horror del prefinale "non l'avevo considerata"!

    RispondiElimina
  3. Non ha paura di risultare troppo, è per questo che Zahler ci riserverà tante belle cose, almeno così si spera ;)

    RispondiElimina
  4. Per me film veramente mitico! Tra l'altro è riuscito a rendere finalmente figo persino Matthew Fox!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piace il modello damerini-dandy, si 😅 e film ganzissimo!

      Elimina
    2. Sì, ma alla fine spacca comunque i culi! :)

      Elimina

Posta un commento

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U

Post più popolari