BLACK DEATH, di Christopher Smith

Inghilterra, XIV secolo. L'Europa è martoriata dalla peste nera (da qui il titolo), da molti vista come una punizione di Dio. Il mercenario Ulric, per conto del Vescovo, si reca a un monastero per chiedere una guida che lo possa condurre in un remoto villaggio paludoso intoccato dalla peste. Si offre il novizio Osmund, che però forse ha un interesse personale nella vicenda...

Approfittando del periodo di prova di Amazon Prime e cercando nel marasma di titoli che offre - dopo aver tristemente constatato che le cose più ganze le avevo ovviamente già viste... - mi sono imbattuto in questo Black death, visione che rimandavo da diverso tempo. Arrivato da noi con discreto ritardo e direttamente per l'home video, spacciato come film trash medievale e pubblicizzato solo dalla presenza di Sean Bean, il Boromir de Il Signore degli Anelli, con conseguenti battuti su eventuali spoiler che la trama avrebbe potuto avere o la diretta sorte del suo personaggio.

E no, c'è mr Bean, quindi non potete maledirmi. Tra l'altro ha fatto tutto la campagna promozionale da sola - e ironicamente, nella top10 degli attori con più morti su schermo, il buon Sean è al terzo o quarto posto...

Resta però il fatto che Black death non è un film trash per nulla.

Subodoravo la cosa perché avevo letto diverse recensioni entusiastiche di persone di cui mi fidavo, ma la sensazione lasciata dal battage pubblicitario e di qualche casuale spettatore disattento danno proprio quest'impressione - uno dei marketing più disastrosi di sempre. Ma no, non è trash, al massimo è pulp, qualcosa che ha portato all'evoluzione del trash in caso ma che non ha nulla delle caratteristiche del primo esempio. E per fare del buon trash ci vuole comunque del talento, non credete.

Si tratta di un film grezzo, sporco, girato con poco ma che ha qualcosa da dire, pur non puntando per nulla sull'originalità. Anzi, è monolitico quasi quanto alcuni dei personaggi che porta sullo schermo, abbracciando quella patina horror solo di superficie che fa parte del grimdark e che non ha paura di infastidire qualche sensibile, con personaggi molto borderline e dove bene e male sono solo due concetti astratti.

Basterebbe solo la scena del primo incontro con l'esecuzione della strega o la breve presentazione dei mercenari per far capire di che pasta è il film, che però non si limita solo a quello, senza strafare ma facendo bene tutto quello che serve. 

Si sente che i mezzi sono quello che sono e diversi passi sono fatti alla bisogna, inficiando in special modo sulle scene di battaglia, ma il regista Christopher Smith ha il pieno controllo sul resto, realizzando un film di stampo postmoderno che punta più sulle sensazioni che sulla dinamicità. Davvero, ogni fotogramma sembra lercio, come se avessero passato con una pennellata di merda tutto il set prima di iniziare le riprese, e lo stesso dicasi per i personaggi.

Ma è proprio verso la fine che il film mostra tutte le sue cartucce e a dare il segno di quello che voleva essere la sua critica, già fatta ampiamente intuire nel suo percorso, ovvero quella verso il fanatismo religioso. Qualunque fanatismo, non solo quello cristiano.

E così, dopo la prima parte girovaga, la seconda è stazionaria nel paesino, mostrando diverse analogie con The wicker man (quello originale) ma andando poi a parare in tutt'altra direzione. Ed è qui che la sceneggiatura di Dario Poloni mostra un colpo di scena semplice ma efficacissimo, per darci un finale nerissimo che va al di là del mero splatter, arrivando all'apice del proprio senso e di quello che ha mostrato con le immagini fino a quel momento.

No, non un film trash, ma come già detto, un film pulp. Una narrazione di carattere popolare che cerca il sensazionalismo e l'eccesso in ogni maniera, proprio come succede qui - che si sa, il medioevo era cosa ben diversa, non quel cesso - riuscendo a volte, proprio come in questo caso, a far passare dei messaggi ben superiori a quello che può essere il materiale di partenza. E c'è gente che ha sbragato con molto meno.

Da recuperare sicuramente se vi piace quel tipo di cinema che non guarda troppo alla forma e che ama spingersi si terreni fangosi. Ma andrebbero recuperati pure i film fatti prima da Smith per capire di che pasta è fatto l'uomo.

Tra l'altro... che fine ha fatto?

Stupisce più di tutto però vedere un inaspettato Eddie Redmayne, prima che il successo e la sovraesposizione lo facessero diventare quella macchietta tutta denti e smorfiette irritanti.

Ovviamente noi italiani dobbiamo farci riconoscere ovunque e, dopo il ritardo e il battage ignobile, abbiamo pensato di attaccarsi pure il sottotitolo "... un viaggio all'inferno". Perché no, non bastava la ridicolaggine e la ridondanza, pure i tre punti. 

Poi, per stare in tema, uno non dovrebbe bestemmiare.







Commenti

  1. Ma così nuovo non è, visto una vita fa, e infatti non ricordo granché, però certamente non è pessimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me invece, per quanto "già visto", solido e compatto. E il twist finale è bellissimo.

      Elimina

Posta un commento

Ragazzi, mi raccomando, ricordiamoci le buone maniere. E se offendete, fatelo con educazione U.U

Post più popolari